Skip to content

“Muore la palestinese accoltellata dall’ebreo”

agosto 3, 2015

Il 18 novembre 2012 Israele lancio’ l’operazione chiamata “Pillar of Defence” dopo che decine di missili di Hamas, 100 in meno di 24 ore, furono lanciati su tutto il sud del Paese, alcuni arrivarono anche a Gerusalemme e Tel Aviv. Senza sorprese la stampa e i media tutti si svegliarono solo quando Israele decise di rispondere per cercare di mettere fine alla minaccia. E lo fecero, come sempre, distorcendo completamente la realtà. John Donnison della BBC, diffuse immagini di bambini feriti in Siria, spacciandoli per vittime di Gaza.

5e611-donnison

scusandosi poco dopo, quando già la foto aveva fatto il giro del web.

jondonnisontweet191112ii

 

La BBC mise in onda il famoso video del “morto che resuscita”:

La Stampa usci’ con una foto dalla didascalia drammatica: “Gaza, si scava nelle macerie in cerca di bambini.” Peccato che la foto mostrasse due ebrei, con tanto di kippah in testa e birre in mano, che esaminavano i danni che i missili di Hamas avevano fatto alla loro casa di Ashqelon

bugie-propaganda-palestinese-pallywood-focus-on-israel

Alcuni giornali arrivarono perfino a spacciare un bimbo israeliano ferito a Kiryat Malachi, per un palestinese.

syriachild

 

Perfino??? No, non bisognerebbe mai mettere un limite a questa sistematica campagna di disinformazione, perché limite non c’è.

Ieri è morta Shira Banki, sedicenne israeliana, ammazzata da un terrorista ultra ortodosso ebreo, perché si trovava al gay pride.

shira

Oggi, Euronews com la trasforma in una palestinese

palestinese

Come chiamarla? Patologia, non c’è altro nome. Per i media ogni morto nella zona compresa tra Israele e la Siria, diventa palestinese.  Chi dovrebbero informare questi cialtroni?

7 commenti
  1. È scomparso il vecchio titolo su euronews.com.

    • Certo! Subissati di critiche hanno corretto. Peccato che ci siano volute le critiche. Se nessuno avesse protestato, sarebbe entrato negli archivi di google con quel titolo

      • Lo abbiamo condiviso su tumblr, ma non abbiamo un gran seguito.
        Buona giornata.

  2. Ciao, ho trovato questo sito perché seguo le vicende palestinesi e israeliane e l’ordine in cui lo scrivo è puramente casuale, ma non mi fermo di fronte alle prime pagine e cerco sempre come se mi stessero imbrogliando.
    Però!
    I però mi inseguono oppure sono io ad inseguirli.
    La propaganda è proprio il motore che mi spinge a non credere a ciò che viene urlato e poi la trovo da tutte le parti coinvolte in un dato contesto.
    La foto dove affermate che alcuni palestinesi stanno osservando macerie e poi dite che invece si tratta di israeliani, perché non dite che pur trattandosi palesemente di ebrei non dite che sono armati di bombolette spray e il loro agire nella contingenza descritta dall’immagine altro non è che dipingere un muro con un tromp-l’oil che simula danni da bombardamento?
    Quale era il motivo di tale disegno?
    Serviva per una manifestazione pro Palestina? Pro Israele? Versus Palestina? Versus Israele?
    Quando si scrive con odio si perde la visione verso la verità, questo in ogni caso. O meglio, la verità diventa odio, e ciò non mi piace in nessun caso.
    Massimo Penitenti
    P.S.: Se non aiutate a capire fate i medesimi danni che fanno coloro che condannate.
    Vi prego, se rispondete a questo mio commento fatemelo sapere.

    • “perché non dite che pur trattandosi palesemente di ebrei non dite che sono armati di bombolette spray e il loro agire nella contingenza descritta dall’immagine altro non è che dipingere un muro con un tromp-l’oil che simula danni da bombardamento?
      Quale era il motivo di tale disegno?” il perché è semplice: non siamo ancora ammattiti, non siamo ancora da manicomio e quindi non abbiamo bisogno di inventarci complotti. Simulazione di danni da bombardamento? la prossima volta che hai notizia di una crisi, dato che dici di seguire la questione, prendi un aereo, con poche lire te la cavi, e piazzati dove vivono o vivevano i due ebrei della foto. Quando poi un bel missile ti sfonderà la casa, fatti un selfie e scrivi che i danni li hai disegnati tu con lo spray. Stai all’ombra intanto, il sole è ancora forte.

      • Fra l’altro nemmeno hai ben capito cosa hai letto: “La foto dove affermate che alcuni palestinesi stanno osservando macerie e poi dite che invece si tratta di israeliani” no, non affermiamo affatto che si tratti di palestinesi, quello lo affermava La Stampa. Mi piacerebbe aiutarti a capire, come chiedi, ma ci devi mettere molto del tuo, e non mi sembri proprio intenzionato.

Trackbacks & Pingbacks

  1. SENZA PAROLE | ilblogdibarbara

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: