Skip to content

Cos’è la destra? Cos’è la sinistra?

febbraio 8, 2014

Marine Le Pen, leader francese del Front National, carica che ha ereditato pari pari dal padre Jean-Marie, icona dell’estrema destra francese, sta riuscendo nell’ardua impresa (tale, solo apparentemente?) di adattare la tradizionale politica xenofoba del suo partito, con le esigenze del tempo: avere i voti anche da quei musulmani che fino ad oggi ha trattato come “nemici numero 1” della Francia e dell’Europa. Ma l’intrepida Marine vorrebbe fare di più: la sua ambizione è accaparrarsi i voti di quella parte di elettori francesi che, delusi dalla sinistra, si trovano confusi e incerti. E’ un progetto assurdo? No, nient’affatto! E’ un progetto che sta riuscendo e non solo in Francia, ma in tutta Europa.

E come ci sta riuscendo? Attraverso quali “canali”? Semplice: con la parola d’ordine “Imperialismo Globale”. Ma a questo punto il gioco si fa duro: la Le Pen individua nell’americanismo dell’euro-mondialismo i nemici da combattere. Ma ci deve mettere anche l’islamismo e allora? Come fa a cattivarsi le simpatie degli Arabi mentre proclama che l’America e il suo servo, l’Europa, si servono dell’Islam come di un burattino per distruggere le “sovranità nazionali”?  Ci riesce facendo appello ai “musulmani moderati”!

E chi sarebbero, secondo la Le Pen, questi moderati? Quelli che respingono il “terrorismo Saudita, al servizio dell’America”. E quindi? E quindi: la Francia (intesa come “la sua” Francia) deve “allearsi con l’Iran”! Ah ecco, niente di più logico!

Del resto, dice Marine: ché l’Iran è peggio dell’Arabia Saudita? Il boicottaggio contro l’Iran, dice la Le Pen, deve cessare immediatamente, tornare a fare affari con il paese degli Ayatollah (del resto mai cessati) e vincere lo strapotere americano.

Anche lei ha un mentore che le ha “suggerito” la strada giusta da intraprendere: Aymeric Chauprade, un dottore in geopolitica, cacciato nel 2009 dal Collège Inter-armées de Défense de l’armée française, per aver espresso la possibilità che gli attentati dell’11 settembre alle Torri Gemelli fossero stati un “inside job” americano, concepito per scatenare una guerra mondiale.

La Le Pen e Chauprade

La “teoria” di Chauprade è abbastanza semplice: America, Arabia Saudita e (audite, audite) Israele, tentano di distruggere l’Islam moderato mondiale, per impedirne la modernizzazione. In questa visione geopolitica, se l’America è “il grande Satana”, Israele mantiene la sua posizione di “piccolo Satana” e questo non puo’ che far piacere trasversalmente ad Arabi, elettori disinformati e/o delusi dal loro voto a sinistra. Tutta la strategia è volta a tentare di uscire dalla nicchia di “partito di ultra destra e arabofobo” nella quale la Le Pen è stata finora relegata. Progetto ambizioso ma che mostra alcune ragionevoli possibilità di successo.

Su Facebook è apparsa una pagina nuova, ancora con pochi iscritti, che “lavora” al progetto: ll Front National è di destra o di sinistra? Questo il nome della pagina; fra le info leggiamo:

Il Front national è davvero un partito di destra? Le sue soluzioni economiche sono sempre di più vicine a quelle dell’estrema sinistra…. La sua metodologia è vicina a quella dell’estrema sinistra….

Seguono articoli che illustrano le scelte di personaggi politici tradizionalmente collocati a sinistra, che hanno scelto invece “Un progetto, una coerenza che rimettono al centro l’autorità dello Stato”. O dichiarazioni come quella dell’ex candidata per il Partito Comunista, Anna Rosso-Roig: Mi sono detta: la realtà non è quella che racconta il Fronte di sinistra.

Addirittura nella pagina troviamo articoli che postulano una Marine Le Pen marxista! “L’ultimo libro di Marine Le Pen non si puo’ dire di sinistra ma resta decisamente marxista”.

Del resto la Le Pen puo’ contare su personaggi come Alain Soral, descritto come ex-comunista, sodale di Dieudonné Mbala-Mbala, ideatore insieme a quest’ultimo ed al leader del gruppo sciita francese, del Parti Anti-sioniste. A Soral il “merito” di aver introdotto l’idea che oggi la Le Pen tenta di sfruttare appieno:

“Il FN deve avere un discorso « di sinistra » sui piani economico e sociale e uno di « destra » sulla sicurezza e l’ordine….. Abbandonare l’idea di nazionalismo identitario e rivolgersi all’elettorato degli immigrati.”

Ecco, l’apporto di Soral data dal 2007; oggi la sua “strategia” è applicabile. Cantava Gaber nel 2001: “Cos’è la destra? Cos’è la sinistra? Una bella minestrina è di destra, il minestrone è sempre di sinistra….” Sempre più difficile, sempre più confuso. Ed il web straripa di forum nei quali la domanda più ricorrente è: “Qualcuno mi sa dire la differenza tra destra e sinistra?”, posta da giovani che si sentono chiamati a prendere una posizione e non sanno quale potrebbe essere quella più vicina al loro “sentire”.

Ed ecco sorgere come funghi gruppi che “potrebbero piacere” sia a destra che a sinistra, movimenti che hanno gli stessi slogans, le stesse parole d’ordine, le stesse “piattaforme politiche” che ritroviamo sia nell’estrema destra che nell’estrema sinistra. La magica parola che sembra mettere d’accordo tutti è: antimperialismo! Alba Dorata in Grecia parla di “resistenza all’America imperialista”; mentre il partito si oppone con veemenza all’immigrazione musulmana, supporta una varietà di soggetti islamici a causa del legame di odio anti-occidentale in comune. Alba Dorata ha dichiarato che “siamo solidali con l’Iran e con gli sforzi per combattere il sionismo internazionale, e ammiriamo alcune sue leggi anti-corruzione.” Ma anche la ‘Freedom Road Socialist Organization’, ha dichiarato di essere ” solidali” con il “governo iraniano” a causa delle politiche anti-americane e anti-israeliane dei mullah ‘. E’ la nuova strategia vincente.

Cosi’, il gruppo di opposizione in Grecia, Syriza, per bocca del suo leader, Alexis Tsipras, illustra i “punti” salienti della sua proposta:

“….Stiamo affondando, stiamo annegando. Il messaggio è: ora o mai più….Il messaggio è: Syriza o catastrofe umanitaria. Perché quei funzionari senza vergogna degli istituti di credito, …non si vergognano per niente. Non hanno rispetto e pietà per niente e nessuno. Si muovono con la facilità di un gangster dalle loro posizioni di successo e dalle loro azioni, apparentemente benevolenti, per l’eliminazione di interi gruppi sociali. Perché è quello che comanda la troika…. In una lotta per la salvezza e la ricostruzione di una Grecia consegnata a mancanza di trasparenza , truffe , corruzione , clientelismo , la barbarie quotidiana del neoliberismo .”

Il candidato di Siryza, Theodoros Karypidis, appena ha potuto si è lasciato andare a discorsi in merito al programma complottista  degli Ebrei: “Samaras (Primo ministro greco) sta accendendo le candele nel candelabro a sette braccia degli Ebrei e la Grecia in fiamme dopo la sua visita alla Sinagoga di Salonicco”, ha scritto Karypidis, “Sta organizzando una nuova Hanukkah contro i greci.”

E sulla pagina di Alba Dorata Italia:

“Tenterò nella maniera più semplice di spiegare la “grande truffa” del sistema monetario e del Signoraggio bancario, ergo dell’inflazione e della diminuzione del nostro potere d’acquisto. Da decenni sentiamo parlare di “debito pubblico” … il “pubblico” siamo noi, cittadini italiani e europei! Di chi sono i soldi? Risposta: dello “Stato giuridico”, quindi dovrebbero essere nostri. In realtà non lo sono da quando sulle monete e sulle banconote non c’è più scritto “Repubblica Italiana” ma “Banca d’Italia – pagabili a vista al portatore”.

E sulla pagina Sinistra Radicale:

“Cittadini! Da subito potete andare a firmare in tutti i Comuni isolani per la presentazione delle liste di Beppe Grillo. Nel prossimo weekend troverete tavolini per la raccolta dei firme in tutte le strade principali. Vi chiediamo le vostre firme per fare sentire la VOSTRA voce al parlamento e per cambiare le cose. Anche se non voterete per Grillo almeno firmate per la presentazione delle liste, è in gioco la libertà del dissenso e, la libertà di difendere i vostri interessi. Ma comunque non andate a votare per i partiti che ora appoggiano Monti. Loro non fanno i vostri interessi , fanno gli interessi di David Rocheffeler e delle sue banche!!! (notare che scrivere Rockfeller diventa sempre più difficile). Avanti con Beppe Grillo sino ala vittoria. Voi siete il movimento e voi stessi e con l’aiuto di internet ci indicherete ai deputati del movimento le cose da fare per la giustizia la libertà e la fratellanza e per il benessere collettivo. Hasta la victoria siempre!!”

E Beppe Grillo dal suo blog:

“Le banche e gli enti di controllo sono i primi responsabili della catastrofe finanziaria. Dov’erano in questi anni la Banca d’Italia, la Consob, l’ABI, i ministri del Tesoro? I Tremorti e i Padoa Schioppa? I Fazio e i Draghi? I Geronzi, i Passera, i Profumo? I sindaci che hanno investito in derivati le tasse dei cittadini? Gli analisti finanziari? I giornalisti economici? I Cardia e i Capuano? I titoli spazzatura, i futures senza futuro, i subprime, i Cdo, i buchi di bilancio, le esposizioni bancarie senza garanzie. Questi signori o sapevano tutto, e allora sono dei criminali e vanno perseguiti, oppure sono degli incompetenti da licenziare al più presto.”

E Forza Nuova:

“Mentre in Italia, contrariamente alle affermazioni del governo, la crisi si aggrava, l’inflazione e la disoccupazione aumentano, le piccole e medie imprese chiudono a decine e l’agricoltura langue, le uniche istituzioni che continuano a incamerare grassi profitti sono proprio le maggiori responsabili dell’attuale rovina: le banche e le finanziarie speculative. Questa politica in pochi decenni ha portato alla scomparsa della classe media ed alla crescita inquietante di un nuovo vero e proprio sottoproletariato. Il governo che, per bocca del Ministro Tremonti, aveva sotto elezioni, promesso di cominciare finalmente a tassare i profitti bancari, fin’oggi esenti da imposta, grazie al truffaldino sistema di intestazione della proprietà a fondazioni “senza scopo di lucro”, non ha fatto nulla di quanto promesso. Anzi grazie allo scudo fiscale ha permesso alla banche di intascare 95 miliardi di euro. FORZA NUOVA, anche alla luce delle recenti note vicende che hanno coinvolto la banca speculativa d’affari internazionale Goldman Sachs, esige la cessazione immedita di ogni attività di investimento del risparmio privato nei circuiti speculativi della finanza derivata non produttiva. FORZA NUOVA richiede la cessazione di tutte le attività usurarie di “credito al consumo” poste in essere da tutte le banche nazionali. FORZA NUOVA propone la nazionalizzazione di tutte le banche ed il loro accorpamento in un unico istituto posto sotto il controllo ferreo e diretto dello Stato.”

E Rifondazione Comunista:

«La decisione del congresso del partito della Sinistra europea di candidare Tsipras, rappresenta una speranza per tutti i popoli che soffrono e subiscono le folli ricette dell’austerità imposte dall’Ue – commenta Fabio Amato, responsabile esteri del Prc – è la speranza di battere la grande coalizione delle banche, quella formata da conservatori, socialdemocratici e liberali europei, che ha fin qui costruito un’Europa al servizio non dei bisogni dei suoi cittadini, dei lavoratori o dei precari e disoccupati, ma del solo capitalismo finanziario. Una speranza che vogliamo viva anche in Italia, costruendo una ampia coalizione, fatta di singoli, partiti, movimenti, organizzazioni che condividono con noi la necessità di rompere con l’austerità e il neoliberismo. La Sinistra europea, anche attraverso le sue organizzazioni nazionali, mette a disposizione questa sua scelta per la costruzione del più ampio fronte sociale e politico antiliberista, che metta in discussione i trattati europei neoliberisti, a partire da memorandum e fiscal compact».

…….

I collant son quasi sempre di sinistra

il reggicalze è più che mai di destra

la pisciata in compagnia è di sinistra

il cesso è sempre in fondo a destra.

Ma cos’è la destra cos’è la sinistra…

La piscina bella azzurra e trasparente

è evidente che sia un po’ di destra

mentre i fiumi, tutti i laghi e anche il mare

sono di merda più che sinistra.

Ma cos’è la destra cos’è la sinistra…

L’ideologia, l’ideologia

malgrado tutto credo ancora che ci sia

è la passione, l’ossessione

della tua diversità

che al momento dove è andata non si sa

dove non si sa, dove non si sa.

grazie a JForum

From → E in Europa?

4 commenti
  1. bombarley permalink

    E Beppe Grillo dal suo blog:

    “Le banche e gli enti di controllo sono i primi responsabili della catastrofe finanziaria. Dov’erano in questi anni la Banca d’Italia, la Consob, l’ABI, i ministri del Tesoro? I Tremorti e i Padoa Schioppa? I Fazio e i Draghi? I Geronzi, i Passera, i Profumo? I sindaci che hanno investito in derivati le tasse dei cittadini? Gli analisti finanziari? I giornalisti economici? I Cardia e i Capuano? I titoli spazzatura, i futures senza futuro, i subprime, i Cdo, i buchi di bilancio, le esposizioni bancarie senza garanzie. Questi signori o sapevano tutto, e allora sono dei criminali e vanno perseguiti, oppure sono degli incompetenti da licenziare al più presto.”

    Cosa c’è di falso in ciò?

    • Siccome ognuno è libero di votare e amare chi vuole, l’articolo che stai commentando si limitava a notare le similitudini (che in certi casi diventano proprio ricalcate l’una sull’altra), di certe parole d’ordine di estrema destra e estrema sinistra che, guarda caso, fanno breccia in quella parte di europei (almeno italiani e francesi che sono stati presi in considerazione) che non hanno idee politiche precise ma avvertono solo un confuso senso di frustrazione e impotenza, senza peraltro sentirsi MAI responsabili almeno in parte dello sfacelo. E su questo non ci piove; non so se in quello che dice Grillo ci sia “qualcosa di sbagliato” e non era questo il senso del discorso. Quello che so è che la Le Pen dice le stesse cose e Dieudonné pure.

  2. bombarley permalink

    Giustissimo, ma non conta il contenitore ma il contenuto. Se Stalin e Hitler e Pol Pot dicessero che la Terra gira intorno al Sole, non sarebbe mica sbagliato. Anche Mussolini per la legge dei grandi numeri avrà detto cose giuste. Ora che le cazzate sugli ebrei che dominano le finanza mondiale siano tali lo sappiamo entrambi. Ci sono alcune grandi famiglie ebraiche i cui patrimoni risalgono al Medioevo e che sono effettivamente vergognosamente ricche, ma questo è dovuto solo al fatto che in quell’epoca era permessa solo agli ebrei l’attività bancaria. E cmq non vuol dire niente, esistono famiglie del genere cinesi, giapponesi, americane. Non so vogliamo parlare del clan Mitsubishi? + di 80 miliardi di dollari all’anno.
    Io, però, mi riferivo specificamente alle parole di Grilllo: sono sacrosante. Io non sono un elettore grillino, ma come si fa a dire che non ha ragione? Poi non nomina minimamente gli ebrei, parla di personaggi italiani che hanno EVIDENTEMENTE avuto un ruolo di primo piano nello sfacelo dell’Italia. Scusa, ma mi sembra un po’ infantile il tuo ragionamento: avrà pure ragione ma dice le stesse cose di Diedounnè! Ma che vor dì?
    Cioè fammi capire perchè Grillo o i grillini hanno detto in passato qualcosa contro Israele, automaticamente tutto quello che dicono è squalificato?

    • Come al solito è stupefacente che in un articolo come quello che stiamo commentando che prende in considerazione principalmente la situazione francese, dato che la Francia sembra essere al momento il Paese di spicco per il trionfo di un discorso anti politico e populista, l’attenzione cada solo e soltanto sulle righe che riguardano Grillo. Non mi interessa fare l’analisi politica del pensiero di Grillo, non mi interessa star a elencare il contributo italiano (degli italiani dico) nello sfascio del Paese, non mi interessa porre una domanda logica: dove mette Grillo i soldi? Sotto il mattone di casa? Non usa le banche anche lui, come miliardi di persone? Cio’ che l’articolo si proponeva era di mostrare dei piccoli esempi di quanto il discorso populista e de-responsabilizzante funzioni e contribuisca ad azzerare le differenze storiche che ci sono sempre state tra il “discorso” di destra (estrema) e di sinistra (estrema). Che tu abbia letto ” il tuo ragionamento: avrà pure ragione ma dice le stesse cose di Diedounnè” è significativo: non c’è scritto. Israele poi, almeno riferito a Grillo, non è stato proprio nominato. Cio’ che semmai potrebbe essere interessante (forse non per te, ma per altri si’) è evidenziare come un discorso populista e demagogico, che elenca cioè i mali antichi di un Paese, scagionando completamente il “popolo” e non proponendo alcuna soluzione, faciliti il ritorno di stereotipi vecchi come il cucco. E, anche questo forse sorprendentemente, accomunando destra e sinistra. Non sarà tanto intelligente, ma se mi dici che “le banche” e i “banchieri” sono i demoni dello sfascio e mi martelli con slogan sulla “kasta”, dai una mano all’equazione banche=usura=ebrei e non è che lo dico io, lo dicono le migliaia di commenti degli aficionados di Grillo. Quando leggi “Se gli Ebbvei (scritto proprio cosi’) di Anonymus attaccano Grillo cio’ è una garanzia che Grillo stesso non è finanziato e manovrato dalla Lobby ebraica” ti rendi conto delle associazioni mentali che puo’ produrre un “discorso” populista. E se lo leggi non una volta ma mille, puoi anche cominciare a pensare che forse chi usa certi sistemi di approccio potrebbe anche rimetterli in discussione, visti gli esiti. E se questo non avviene ma anzi! succede l’esatto contrario, è anche lecito chiedersi il perché.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: