Skip to content

Chi aiuterà i palestinesi a liberarsi di Hamas?

aprile 14, 2013

L’avevano annunciato, come fosse cosa logica: “I “collaboratori di Israele che si pentiranno entro il 12 aprile avranno salva la vita. Per gli altri ci sarà la morte”. E come fosse cosa logica il mondo è stato a guardare. Ora il termine è scaduto. “La campagna di lotta contro lo spionaggio ha raggiunto una serie di obiettivi, e da questa sera il tempo per i collaboratori di Israele per auto-denunciarsi è scaduto”, ha detto il portavoce del ministero degli interni Islam Shahwan.

Esecuzione sommaria di un “traditore” per le strade di Gaza

Human Rights Watch intanto annuncia che Hamas non ha collaborato a fare luce sull’omicidio di sette uomini accusati di tradimento, avvenuto nel novembre 2012. I sette erano già stati arrestati per spionaggio in favore di Israele. Uomini armati li prelevarono dalle loro celle e li uccisero – ha dichiarato Human Rights Watch- trascinando poi il cadavere di uno di loro per le strade, legato a una motocicletta, al grido di “Allah Akbar”. Gli altri sei furono uccisi e mutilati quattro giorni più tardi. Human Rights Watch ha ipotizzato (bontà loro) che le confessioni potrebbero essere state estorte con la tortura. E’ quasi patetico quell’HRW che si aspettava collaborazione da parte di Hamas! Ma soprattutto: Hamas è un’organizzazione quasi universalmente riconosciuta terroristica, a parte da quei paesi che la finanziano, ovviamente. E’ opinione comune che finché Hamas resterà a Gaza, qualsiasi tentativo di pace sarà inutile. Ci siamo chiesti in molti come è possibile che non sia mai emersa visibile un’opposizione palestinese a Hamas, dando per scontato che nessun regime, in nessun caso, gode dell’appoggio popolare al 100%. Possibile che né HRW né altre associazioni simili abbiano pensato, nemmeno per un attimo, che l’accusa di “tradimento” possa servire egregiamente a cancellare l’opposizione e ad incutere terrore nella popolazione, dissuadendola dal tentare una rivolta?

Esecuzioni sommarie a Gaza

Sembra che non sia poi cosi’ lampante, dato che nessuna voce si è levata in questo senso. Hamas da anni uccide i palestinesi nel silenzio totale dell’opinione pubblica mondiale.

Da anni Hamas terrorizza e uccide il suo stesso popolo, non solo quando “sbaglia la mira”  dei missili destinati a Israele, ma volontariamente, mentre l’Occidente sta a guardare e continua a parlare di “governo eletto in libere elezioni”.

Chi aiuterà i palestinesi a vincere il terrore e liberarsi di Hamas?

One Comment
  1. Sarebbe poi da ridere, se non fosse da piangere, che da una parte ti dicono che non bisogna confondere il popolo palestinese con il gruppo terroristico di hamas, dall’altra, sempre le stesse anime belle, ti fanno notare che non c’è alcun motivo per rifiutarsi di dialogare e trattare con hamas dal momento che è il governo legittimamente eletto dalla maggioranza del popolo palestinese. Per la serie: il mio nome è Coerenza (e magari anche Buona Fede. Buona di nome e Fede di cognome).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: