Skip to content

Cronistoria d’Israele in Palestina, con riferimento a documenti storici

novembre 30, 2012

Un lungo ed esaustivo lavoro di Stefano Davidson, dagli inizi ai giorni nostri. 

Bagnata a Ovest dalle acque del Mediterraneo, chiusa a Sud dal deserto del Sinai e a Est da quello di Siria, confinante a Nord con le propaggini meridionali del Libano, la Palestina si estende longitudinalmente per non più di 140 km e latitudinalmente per circa 240 km. Anticamente interessata, per la sua posizione lungo la rotta che conduce dall’Egitto alle vaste pianure mesopotamiche, da ampi fenomeni migratori e percorsa da importanti piste commerciali, sul finire del XIII secolo a.C. il primo nucleo di coloro che avrebbero costituito il regno di Israele elesse la regione a propria dimora, incidendo profondamente sul ruolo che avrebbe ricoperto nel lungo cammino della storia.

Gerusalemme antica

Gerusalemme antica

 

Gerusalemme antica

In quell’epoca il Medio Oriente e il bacino del Mediterraneo vivevano un periodo di instabilità politica caratterizzato dal graduale, e talvolta perfino improvviso, declino degli imperi che avevano assunto un ruolo egemonico durante l’intero II millennio e dalla comparsa di nuove popolazioni. In Egitto, dopo la crisi interna che aveva portato alla caduta della XVIII dinastia, Ramesse, un generale originario di Avaris, aveva assunto il potere e, nonostante un breve regno durato poco più di un anno, dal 1306 al 1305, riuscì a passare lo scettro al figlio Sethi. La XIX dinastia riuscì a riportare sotto il proprio controllo la Palestina e altre terre confinanti solo grazie a un dispendioso impegno militare nel confronto con il rivale Ittita, il regno di Mitanni e l’astro nascente della potenza Assira. Durante il XIII secolo, l’interesse dell’Egitto verso l’Asia fu tale che vennero adottate centinaia di parole di origine semitica, gli dei di Canaan, il nome ufficiale di una provincia che comprendeva però solo una parte della Palestina, entrarono nel pantheon egizio e la capitale fu trasferita a Avaris, non molto distante dallo stretto di Suez. Il nuovo centro amministrativo diede l’impulso a un’imponente opera di costruzione nella quale vennero impiegati degli schiavi di stato identificati con il nome di ‘Apiru. Un termine che indicava più una classe sociale che un popolo, ma di cui fece probabilmente parte il ceppo originario degli Israeliti.

 

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRNldrNNKNwUYAMn9bh2Ug3G48ovvHbsY8nLqd0o1VggpdyERrt

 

 

Un’iscrizione che invoca il Dio degli ‘Apiru con un tono simile a quello utilizzato nella Bibbia per il Dio degli Ebrei, assieme a una certa affinità etimologica di entrambe i nomi, può far ritenere che gli Ebrei fossero effettivamente identificati con gli ‘Apiru. Il primo riferimento a Israele compare del resto solo verso la fine del secolo quando il faraone Marniptah, nel quinto anno del suo regno, intorno al 1220, per commemorare le proprie vittorie in Palestina, fece erigere una stele sulla quale vennero incisi i nomi dei popoli sconfitti. Gli studiosi avanzano però numerosi dubbi sul fatto che il popolo di Israele battuto dall’esercito egizio fosse lo stesso di cui si parla nel libro dell’Esodo. É infatti possibile, se non altamente probabile, che un gruppo tribale riconosciuto come Israele si fosse stanziato in Palestina ben prima di Mosè. Questi avrebbe forse guidato fuori dai confini dell’Egitto un gruppo che, dopo aver adottato le pratiche monoteistiche che l’avrebbero contraddistinto nei secoli successivi, sarebbe stato successivamente assorbito dall’Israele cui fa riferimento la stele di Marniptah.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQXblKU2OQMiClBlxw7zoRKYiNY0sx1JSUkwNht_Hgy4vv1T1CwUw

 

Intorno agli inizi del II millennio avanti Cristo, i rilevamenti archeologici e le numerose fonti scritte finora ritrovate, attestano inoltre la migrazione di gruppi seminomadi dediti alla pastorizia dalle pianure mesopotamiche alla Palestina. Queste tribù, dello stesso ceppo Amorita, come venivano identificate le popolazioni semitiche nord-occidentali, dal quale trae origine, per larga parte, il popolo ebraico, furono verosimilmente guidate da coloro che nei racconti biblici avrebbero ricoperto la figura dei patriarchi. Sul finire del III millennio avanti Cristo la Palestina era stata oltretutto coinvolta da un lungo periodo di crisi che aveva visto scomparire, in alcune aree anche per diversi secoli, i primi esempi di insediamenti urbani, favorendo lo stanziamento di nuovi popoli.

 

Jerico

Jerico

 

Una situazione analoga si verificò sul finire del XIII secolo, quando ebbe luogo la conquista israelita della regione. L’intera area era controllata da una serie di sovrani locali di stirpe canaanita a loro volta vassalli dell’Egitto, l’insoddisfazione che aleggiava nelle campagne, e perfino tra gli abitanti delle città, rendeva però il loro dominio a dir poco precario. I gruppi tribali guidati da Mosè, o da capi carismatici dai tratti non troppo differenti da quelli riportati nella Bibbia, avevano da poco adottato il culto di Yaweh e la prospettiva della Terra Promessa animava i loro animi. Non è da trascurare che nessuno fra loro provenisse dall’aristocrazia guerriera, per la maggior parte erano semplici lavoratori e pochi erano persino quelli specializzati. Lo scontento delle popolazioni locali spinse queste ultime a accogliere con favore i nuovi venuti, adottando la nuova religione e dando inizio alla classica struttura tribale del popolo di Israele.

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSxgDfbEolZ2T5lk-rZd9HcDPN67zABhQlxHuaXee4qV4v5QXy5uQ

Nel corso dell’aspro confronto che si susseguì nei decenni successivi i re canaaniti vennero gradualmente privati del proprio trono e le loro città vennero distrutte una ad una. Non è però da escludere che la vittoria delle tribù israelite fosse stata favorita da insurrezioni scoppiate all’interno degli stessi centri canaaniti. Durante questa prima fase della colonizzazione, gli uomini delle tribù posero la propria fiducia nelle mani di uomini che, non potendosi ergere come capi supremi, essendo la figura del monarca antitetica alla struttura originaria della società israelitica, si affidarono al proprio carisma. Gedeone, Sansone e Iefta sono solo alcuni fra i nomi riportati nel libro dei Giudici.

Intorno alla metà dell’XI secolo, la solidità dell’ordinamento tribale subì però un grave colpo quando i Filistei, che potevano contare su un’aristocrazia guerriera determinata e un’organizzazione militare più evoluta, iniziarono a minacciare l’indipendenza degli israeliti. I Filistei si erano trasferiti nella regione quasi contemporaneamente agli anni dell’Esodo. Alcuni dotti amano associare al loro nome l’etimo della parola Palestina, mentre altri fanno derivare quest’ultima da una variazione greca, e poi latina, di Israele. Senza dubbio i Filistei ricoprivano intorno all’XI secolo un ruolo non trascurabile nell’intera provincia. Intorno al 1050 a.C., in seguito alla decisiva sconfitta nei pressi di Afek, agli estremi del piano costiero, gli Israeliti dovettero, almeno temporaneamente, accettare il ruolo del nuovo dominatore. Furono loro imposte drastiche limitazioni, fra cui l’impossibilità di portare armi.

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQc2KNEs8vwXzMD7vM_vEmkGkMf0Zcod8Zhn1VWN0uoMgsQeFSKEg

 

La gravità della situazione, spinse la confederazione delle tribù a infrangere il principio fino ad allora rispettato di non accettare un’autorità regale. A Saul, un beniamita della città di Gibeah, fu offerta la corona israelita. La scelta fu senza dubbio felice perché il primo monarca del popolo ebraico fu in grado di affrontare e sconfiggere il nemico ora affiancato anche dagli Ammoniti. A Saul successe David, che trasferì l’Arca dell’Alleanza a Gerusalemme, probabilmente scelta per la posizione neutrale di cui godeva, e unificò sotto il proprio controllo l’intera Palestina. Durante il regno di Davide Israele raggiunse una relativa importanza politico-militare al punto che lo stesso Egitto ne rispettava i confini trattando la giovane nazione come proprio pari. Salomone, il cui governo si protrasse per quasi quarant’anni, dal 961 al 922, fu l’ultimo dei grandi sovrani israeliti. L’aspra politica fiscale adottata dal monarca passato ai posteri per la propria saggezza, fu però la causa di un generale malcontento, sentito soprattutto dalle tribù del Nord. L’assenza di figure carismatiche sulla scena politica contemporanea fece sì che il dissenso sfociasse nell’aperta ribellione e le regioni settentrionali ottenessero l’indipendenza. Il popolo ebraico, e la Palestina, si trovò così diviso in due entità ben distinte fra loro, il modesto Regno di Giuda a Sud, sotto il cui controllo si trovava Gerusalemme, e il più ricco Regno di Israele a Nord. Rivalità intestine e i continui conflitti con la vicina Damasco indebolirono però quest’ultimo che, coinvolto in uno scontro aperto con la sorgente potenza Assira, venne definitivamente sottomesso dalle truppe di Sargon II fra il 722 e il 721 a.C.

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRbZooazEcGkXp4XHulS_HzZQc6ZwL6U065lLkr1xZHtpIBMYTc

 

Il nuovo dominatore non tardò a far sentire la propria influenza con un vasto piano di colonizzazione, attuato attraverso la deportazione sia delle popolazioni israelitiche sia di popolazioni mesopotamiche, delle regioni conquistate. La nuova componente, pur portando con sé usi e costumi fino ad allora estranei all’area palestinese, si amalgamò ben presto con le popolazioni locali di origine ebraica. I loro discendenti furono successivamente identificati con il nome di Samaritani di cui alcune comunità sussistono tuttora nel moderno stato di Israele. Il Regno di Giuda, adottando una politica isolazionista, mantenne invece la propria indipendenza per quasi quattro secoli, pur caratterizzata, negli ultimi due, da un rapporto di sudditanza con l’Assiria, l’Egitto o Babilonia.

Nello stesso periodo, anche grazie all’opera di profeti come Ezechia e Isaia, la religione ebraica attraversò un’ulteriore fase di evoluzione, probabilmente grazie alla quale, negli anni più difficili dell’occupazione babilonese, fu in grado di resistere alle influenze esterne mantenendo così compatta l’identità del popolo di Giuda. Il quale, nel 586 a.C., diede inizio a un aspro tentativo di rivolta contro l’autorità del nuovo impero mesopotamico che, fallito drammaticamente dopo quasi cinque anni di accanita resistenza, diede inizio alla deportazione e al triste periodo, ricordato nella Bibbia, dell’Esilio Babilonese.

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcREK6eclsc2_gCEBq9wXrllNf9lvZKBxV_GaLu5hE52ISfYXqbR

 

La deportazione di parte della classe dirigente della Giudea era già stata condotta nel 597 a.C., ma le misure adottate nel 586 a.C. e, in seguito a ulteriori disordini, nel 582 a.C., furono tali da provocare una profonda crisi socio economica in tutta la Giudea. La quale, assimilata amministrativamente alla Samaria, scomparve come entità a se stante all’interno dell’ordinamento babilonese. In Palestina rimasero solo i contadini e i manovali, mentre, fra il Tigri e l’Eufrate, gli ultimi profeti tentavano di mantenere viva l’identità religiosa e culturale del popolo ebraico.

Se le deportazioni non avevano coinvolto che più di 15.000 persone nel loro complesso, numerosi furono coloro che abbandonarono la Palestina per l’Egitto. La fedeltà verso le proprie tradizioni fu però ben presto premiata quando l’Impero Babilonese venne travolto dall’avanzata persiana. Ciro, il fondatore della dinastia achemenide che avrebbe regnato sull’intero Medio Oriente per i due secoli successivi, ansioso di poter contare sulla fedeltà dei propri sudditi alle frontiere con l’Egitto, si fece promotore della restaurazione della Giudea, che entrò a far parte del grande Impero Persiano come uno stato vassallo.

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcREZChisNlhbbRvK_sXwSGw4gYyBWuQZ5A952Y1ZMGuFQigbGjM

 

Il Tempio di Gerusalemme fu ricostruito, ma la città, oltre che alla regione circostante, soffriva ancora della crisi demografica seguita al periodo delle deportazioni e ancora nel V secolo a.C. non si contavano più di 50.000 abitanti. Per timore di contaminazioni i Samaritani, che occupavano la parte settentrionale della Palestina, furono però esclusi dalla ricolonizzazione. Per quasi duecento anni lo scenario politico della regione rimase inalterato, ma allorché le falangi di Alessandro Magno penetrarono nelle provincie dell’Impero Persiano sostituendosi all’antico dominatore, l’area costiera e la valle del Giordano divennero sede di colonie greche. La loro presenza non ebbe però influssi radicali sulla sorte della comunità ebraica.

Alla morte del sovrano macedone la Giudea venne annessa al regno dei Ptolomei per passare sotto il controllo, fra il 200 e il 198 a.C. della dinastia Seleucide.

La situazione deteriorò quando Antioco Epifane di Siria cercò di imporre il processo di ellenizzazione anche a quella parte del popolo di Giuda che aveva preservato le antiche tradizioni. Nel 169 a.C. il tempio di Gerusalemme fu saccheggiato dalle truppe seleucidi di ritorno dall’Egitto, nel 168 a.C. un editto cercò di sostituire il culto di Yaweh con quello di Zeus. Nel 165 a.C. esplose la rivolta, questa volta vittoriosa. Tre anni dopo, Giuda Maccabeo, che aveva condotto le armate israelite contro l’occupazione straniera, ricevette le insegne regali e, per la prima volta dal 586 la Giudea godeva ancora una volta della piena indipendenza.

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTTg15bH0Au_OhtEINY2uErakKwUqg9Z1XvVmzKZE97AfR0Crx8uQ

 

Le successive guerre di conquista, in particolare durante il regno di Giovanni Ircani permisero di estendere il controllo di Gerusalemme sull’intera area originariamente occupata dal Regno di Israele. Con l’espansione di Roma nell’area Medio Orientale anche la dinastia Asmonea entrò però nell’orbita di influenza quirite e, a partire dal 63 a.C., godette di un’autonomia limitata e spesso puramente nominale. La presenza ebraica e il culto di Yaweh contraddistinguevano però in maniera ancora marcata l’intera area palestinese. Sotto il principato di Vespasiano il malcontento e la speranza di riconquistare l’antica libertà sfociò ancora una volta nell’aperta rivolta che insanguinò la regione dal 66 al 70 d.C.

Come avvenne più di seicento anni prima, la sedizione fu soppressa con energia dalle implacabili legioni di Roma. I vessilli imperiali entrarono vittoriosi in Gerusalemme ma la comunità ebraica rifiorì velocemente nei decenni successivi. Ancora più drammatici furono gli effetti dell’insurrezione guidata da Bar Kochba, fra il 132 e il 135 d.C., che costò, a Ebrei e Romani, circa 580.000 morti. L’imperatore Adriano celebrò la vittoria cambiando il nome di Gerusalemme in Elia Capitolina e ordinando la costruzione di un tempio dedicato a Giove, come del resto era già accaduto all’epoca di Antioco, dove sorgeva il Tempio sede del culto di Yahweh. Questa volta il colpo inferto alla comunità israelitica fu ben più profondo, in migliaia cercarono rifugio lungo le coste dell’Arabia, ma, a differenza di quanto comunemente si reputa, altrettanto numerosi furono coloro che scelsero di rimanere.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQKIEB57MRqiQ_dVYQmZheZY1Tg6vjnE7IIgOfzH5Gu49-Gn9vCrg

 

L’ingresso di nuovi coloni dalle altre province dell’Impero, pose però le basi perché in alcuni distretti della Palestina, soprattutto quelli meridionali, la presenza ebraica diventasse minoritaria. Dediti a attività prevalentemente agricole, i discendenti del popolo di Giuda si ricompattarono sotto l’autorità dei Patriarchi, un gruppo di intellettuali il cui ruolo era riconosciuto anche dal governo romano. Fu nella Palestina del II e del III secolo che vennero elaborati la Mishnah e la Midrash, opere fondamentali della tradizione talmudica. La diffusione del cristianesimo costituì una nuova minaccia per le popolazioni di religione ebraica in Palestina.

Furono emanati editti che limitavano la libertà sia di culto che economica della comunità ebraica che, in seguito all’abolizione del Patriarcato, nel 425 d.C., non costituiva che una minoranza all’interno della regione che l’aveva ospitata per oltre 1500 anni. Il processo di cristianizzazione dell’area fu seguito con particolare tenacia dai sovrani Bizantini, al punto che, durante le incursioni persiane dell’inizio del VII secolo, quella che ormai era la minoranza israelita non esitò a sostenere il nuovo dominatore. L’Impero Bizantino avrebbe comunque abbandonato ben presto la regione, quando le orde islamiche occuparono la Palestina nei cinque anni che vanno dal 635 al 640. L’area cadde sotto il controllo della dinastia Ummaiade, che aveva la propria capitale a Damasco.

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQ6Ys1SB7InMvHIg7tfOxdap6ZI85cq8PNhh6s9Pou5o18yh493

 

 

L’intera regione conobbe un nuovo periodo di prosperità, da cui non fu esclusa la comunità ebraica, ma il sopravvento degli Abbasidi, che avevano il proprio centro amministrativo a Baghdad, e i continui conflitti con le altre nazioni islamiche, portarono ulteriori devastazioni. Il periodo più difficile per le sorti della presenza israelita in Palestina si deve però probabilmente collocare fra il XII e il XIII secolo. La prima Crociata ebbe luogo nel 1099 e, per quasi due secoli, fino al 1291, quando la caduta di Acri segnò la fine della presenza militare cristiana in Medio Oriente, la Palestina fu il campo di battaglia dello scontro cruento fra l’Islam e l’Europa. Le incursioni dei Tartari, anch’esse collocabili nel XIII secolo contribuirono alla crisi demografica dell’intero territorio. Successivamente la piattaforma palestinese passò sotto il controllo dell’Egitto diventandone una provincia di minima importanza politica.

La comunità giudaica conobbe un nuovo periodo di splendore quando, in seguito all’espulsione degli Ebrei da Spagna e Portogallo del 1492, fu al centro di un importante flusso migratorio. All’interno del quale emerge la figura di Joseph Nasi e Solomon ibn Yaish che, con l’approvazione delle autorità ottomane, le quali avevano sostituito l’Egitto nel controllo della regione a partire dal 1517, cercarono di stabilire delle colonie nell’area di Tiberiade. In particolare il centro di Safed emerse per l’importanza agli studi cabbalistici della sua scuola rabbinica.

Le sorti della comunità israelitica in Palestina conobbero alterne fortune durante i secoli successivi, talvolta oggetto di rappresaglie indiscriminate, come accadde nel 1625 agli ebrei di Gerusalemme in seguito a alcune disposizioni emanate da Muhammad Ibn Farukh, che all’epoca governava la città per conto della Sacra Porta, altre volte in grado di avvantaggiarsi della benevolenza degli amministratori locali . I contatti fra la Palestina e le comunità della Diaspora vennero però mantenuti attraverso apposite istituzioni localizzate nelle città di Gerusalemme, Safed, Hebron e Tiberia, quest’ultima ricostruita nel 1740 con il non indifferente contributo della popolazione ebraica. Il legame fra il popolo di Giuda e la Palestina non si era infatti incrinato nonostante fossero trascorsi oltre millecinquecento anni dalla distruzione del Tempio di Gerusalemme. A rinsaldarlo accorsero, sul finire del XVIII secolo, i primi rifugiati dalle comunità ashkenazite dell’Est Europa.

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQQGsRUVLPyy0MPVCaTbaaiDDsm-s0XnT_eg7M_97Me_r3zglxEbA

 

 

Stanziatisi principalmente nella Galilea, i Hassidim, il gruppo più zelante fra il variegato universo della fede israelita, tornarono in Palestina a partire dal 1777. Di lì a pochi anni la Rivoluzione Francese e le campagne napoleoniche avrebbero sconvolto l’assetto politico mondiale aprendo la strada all’influenza delle grandi potenze europee nel Medio Oriente e a una nuova fase della storia del popolo ebraico. Napoleone abolì infatti i ghetti, ed emancipò gli ebrei e diede loro la cittadinanza. Molti ebrei accettano di essere “assimilati”, e cioè di diventare francesi, italiani, inglesi ecc. Una minoranza, costituita dai più legati alla fede e alle tradizioni, non vide di buon occhio questa rottura della comunità. L’assimilazione non fu quindi un processo che si verificò tranquillamente senza tensioni. Non era infatti morto il vecchio odio antiebraico (cfr nota 1), e accanto ad esso nasceva un antisemitismo più “moderno”, che pretendeva di fondarsi su assurdi argomenti “scientifici” derivati dal positivismo. In Francia nel 1894, un ufficiale ebreo, Alfred Dreyfus, venne accusato ingiustamente di tradimento e tenuto in galera sull’isola del Diavolo per cinque anni. Il caso fece discutere tutta la Francia.

È proprio l’affare Dreyfus a far pensare l’ebreo ungherese Theodor Herzl e ad indurlo a fondare il sionismo. Il sionismo è un movimento per la riunificazione degli ebrei della diaspora in uno stato ebraico in Palestina. Il nome del movimento deriva da Sion, la collina su cui era edificato il tempio di Gerusalemme. Nato alla fine dell’ottocento, il suo scopo era il ritorno degli ebrei a Gerusalemme perché potessero avere una patria e governarsi da sé. Fu tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo che iniziarono a migrare in Palestina alcune migliaia di ebrei, grazie all’aiuto finanziario di facoltose personalità delle precedenti diaspore, come il banchiere tedesco Rothschild. Sorto nel XIX secolo il sionismo culminò nel 1948 con la nascita dello stato di Israele (cfr. nota 2)

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRtg4u9OSu8o4FrwqvEDpCQUQGvtDer8tzcJU1FLcZE9GRxP_Swmg

 

 

Bene, siamo qui arrivati al momento “critico”, analizziamo quindi con cura, attraverso il testo dei “comunicati stampa” ufficiali del periodo (e non attraverso il “sentito dire”) come avvenne questa nascita. Vi prego di leggere tutto con estrema attenzione:

18 FEBBRAIO 1947 – Londra – La questione palestinese va all’ONU. – Il ministro degli esteri britannico Bevin ha annunciato oggi ai Comuni la decisione del governo britannico di deferire all’Onu la questione della Palestina. E ha dichiarato che il fallimento della conferenza è dovuto all’atteggiamento irresponsabile degli arabi e degli ebrei e che nessuna soluzione appare per il momento possibile (Comun. Ansa del 18 febbraio 1947, ore 18,45)

2 APRILE 1947 – I cinque Grandi chiedono una sessione speciale. Le grandi potenze hanno convenuto che una speciale sessione dell’Assemblea Onu venga dedicata alla discussione della questione palestinese.(Ib ore 20.40)

27 APRILE 1947 – Gli Ebrei in guerra con i britannici. – Gerusalemme – Da fonte ben informata si è appreso che le due principali organizzazioni terroristiche ebraiche, la banda Stern e la Irgun Zwei Leumi – stanno progettando (con i medesimi Arabi !) un’intima collaborazione nella loro “guerra” con i britannici in Palestina. Nella città araba di Giaffa sono stati distribuiti volantini che incitano gli arabi a collaborare con questi ebrei contro l’imperialismo britannico in Palestina (Ib. ore 20.30).

10 OTTOBRE 1947 – Il segretario generale della Lega Araba, Azzam pascià, ha dichiarato che le truppe egiziane e siriane sono in marcia verso i confini della Palestina, pronte a dare agli arabi palestinesi (e agli ebrei!) gli aiuti militari, morali ed economici necessari nell’eventualità dell’evacuazione degli inglesi” (Ib. ore 10,15)

30 NOVEMBRE 1947 – Flushing Meadows . L’ONU APPROVA LA SPARTIZIONE DELLA PALESTINA. – L’ASSEMBLEA GENERALE DELLA NAZIONI UNITE HA APPROVATO OGGI CON 33 VOTI FAVOREVOLI, 13 CONTRARI E 10 ASTENSIONI IL PIANO PER LA SPARTIZIONE DELLA PALESTINA (IB. ORE 00,30). LA VOTAZIONE È AVVENUTA PER CHIAMATA. PRIMA INTERPELLATA LA FRANCIA, CHE NEL SILENZIO PIÙ ASSOLUTO DELLA SALA HA RISPOSTO “SÌ”. QUESTA RISPOSTA INASPETTATA È STATA ACCOLTA DA UNO SCROSCIO DI APPLAUSI. HANNO VOTATO CONTRO AFGHANISTAN, CUBA, EGITTO, INDIA, IRAN, IRAQ, LIBANO, PAKISTAN, ARABIA SAUDITA, FRA GLI ASTENUTI, INGHILTERRA, JUGOSLAVIA, MESSICO, HONDURAS, ETIOPIA, SALVADOR, COLOMBIA, CINA, CILE, ARGENTINA. (IB. ORE 10.50) (cfr. Nota 3)

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTsEBLhYVsqzstjQDzgT-IDo-l9VLb8YsaZj48lG4MOSEAOLh35zQ

 

 

A questo punto che accade?

IMMEDIATAMENTE LA LEGA ARABA DICHIARA GUERRA AL NEONATO STATO.

Anche a questo proposito, quindi, basiamo la nostra analisi sul testo dei comunicati stampa:

30 NOVEMBRE 1947 – Il Cairo – Il segretario della Lega Araba, Azzam pascià, ha dichiarato che la decisione della partizione “darà fuoco al Medio Oriente”, aggiungendo ” Il destino della Palestina si deciderà in Palestina. Gli arabi sono capaci di ogni sacrificio” (Comun. Ansa del 30 nov ore 22.15).

8 DICEMBRE 1947 – Gerusalemme – Gli inglesi cominciano ad andarsene. – Secondo notizie raccolte della New York Herald Tribune, l’amministrazione britannica in Palestina avrebbe deciso di iniziare il 15 corrente l’evacuazione delle forze di polizia e delle truppe da Tel Aviv e da Giaffa. (Ib. ore 14.45).

12 DICEMBRE 1947 – Londra – Bevin annuncia la fine del mandato inglese. Il ministro degli esteri britannico ha dichiarato ai Comuni che la Gran Bretagna considera il 15 maggio 1948 come termine ultimo per la rinuncia del suo mandato sulla Palestina (Ib. ore 16.50).

17 DICEMBRE 1947 – Il Cairo – I CAPI ARABI SI ACCORDANO ALLA RIUNIONE TERMINATA OGGI. HANNO RAGGIUNTO “UN ACCORDO COMPLETO PER IMPEDIRE CON TUTTI I MEZZI LA SPARTIZIONE DELLA PALESTINA. ALCUNI SCONTRI SONO GIÀ COMINCIATI SIN DAL 30 NOVEMBRE 1947: SUBITO DOPO L’ADOZIONE DEL PIANO DI SPARTIZIONE DA PARTE DELL’ONU. (Ib. ore 20.40).

2 APRILE 1948 – Lake Success – La questione torna all’ONU. Il consiglio di sicurezza ha approvato questa sera all’unanimità la proposta americana per una tregua in Palestina. Il Consiglio ha deciso di convocare per il 16 aprile una sessione speciale dell’assemblea generale sulla questione palestinese. (Ib. ore 00.30).

SULLA QUESTIONE ISRAELE-ARABO LA POSIZIONE DEL CREMLINO È BIZANTINA: LA PRAVDA HA SCRITTO CHE “L’URSS SOSTIENE L’INDIPENDENZA DEI POPOLI ARABI, MA DEV’ESSERE PERÒ CHIARO CHE GLI ARABI NON SI BATTONO OGGI PER I LORO INTERESSI NAZIONALI E PER LA LORO INDIPENDENZA MA CONTRO IL DIRITTO DEGLI EBREI A COSTITUIRE UN LORO STATO INDIPENDENTE. L’OPINIONE PUBBLICA SOVIETICA NON PUÒ QUINDI CHE CONDANNARE L’AGGRESSIONE ARABA CONTRO ISRAELE”. La situazione è tesissima. La propaganda sugli arabi rimasti in territorio israeliano è tambureggiante e ha un certo gioco soprattutto a causa di un tragico incidente accaduto nella notte del 10 aprile 1948.

10 APRILE 1948 – STRAGE A DEIR YASSIN – “Tel Aviv -Forze miste dell’Irgun Zvei Leumi e della Banda Stern hanno tentato nella notte di sgombrare il villaggio arabo di Deir Yassin, lungo la strada per Gerusalemme, considerato una posizione strategica vitale. Dopo un parziale sgombero e una finta resa, sono state attaccate, perdendo il 40 per cento degli effettivi. Hanno reagito sparando all’impazzata, uccidendo 250 arabi fra armati e civili. Fra i cadaveri si scoprono anche corpi di donne e bambini (Comun. Ansa, del 10 aprile, ore 12.30)

“L’HAGANÀ, PER ORDINE DI BEN GURION CHE GIÀ MAL SOPPORTAVA LE DUE FORMAZIONI IRREGOLARI… ENTRÒ NEL VILLAGGIO INGIUNGENDO ALL’IRGUN DI ABBANDONARLO. PIÙ TARDI BEN GURION SCIOGLIERÀ LE DUE FORMAZIONI INCORPORANDOLE NELL’ESERCITO. LA RADIO EBRAICA È LA PRIMA A DARE L’ANNUNCIO: “NON VOGLIAMO PIÙ VITTORIE COME QUELLA DI DEIR YASSIN”. BEN GURION TELEGRAFA ALL’EMIRO ABDULLAH DI TRANSGIORDANIA ESPRIMENDO “LA SUA PROFONDA RIPROVAZIONE” PER IL MASSACRO E IL GRAN RABBINO DI GERUSALEMME NE MALEDICE GLI AUTORI. “NONOSTANTE LA DEPLORAZIONE UFFICIALE DA PARTE EBRAICA E LA SINCERA UNANIME CONDANNA CHE SI LEVÒ DAL PAESE, POCHI GIORNI DOPO, IL 13 APRILE, FORZE ARABE DAVANO UNA RISPOSTA NON MENO CRUDELE… A UN CONVOGLIO DI MEDICI E INFERMIERI CHE SI STAVANO RECANDO ALL’OSPEDALE DI MONTE SCOPUS, CHE DOMINA LA CITTÀ DI GERUSALEMME, FU TESO UN AGGUATO. CIRCONDATI, FURONO TUTTI MASSACRATI CON BOMBE A MANO E FUCILI MITRAGLIATORI. RESTARONO SUL TERRENO 77 MORTI, TUTTI EBREI, TUTTI MEDICI E SANITARI CHE CORREVANO IN SOCCORSO DI MALATI E FERITI. MOLTI DEGLI UCCISI ERANO MIRACOLOSAMENTE SFUGGITI AI CAMPI DI STERMINIO NAZISTI (COME L’ITALIANA ANNA DI GIOACCHINO CASSUTO) E ALCUNI DI ESSI ERANO GIUNTI DA POCHI GIORNI IN TERRA D’ISRAELE. FRA LE VITTIME UN ILLUSTRE PIONIERE DELLA PSICANALISI ITALIANA, IL FIORENTINO PROFESSOR ENZO BONAVENTURA”.

Gli arabi sfruttano così la strage di Deir Yassin, per seminare anche il terrore nella loro stessa popolazione musulmana e convincerla ad abbandonare (dicono temporaneamente) i territori controllati dagli ebrei. È un grande esodo. Lunghe colonne di arabi lasciano Haifa, Safed, Tiberiade, Jaffa: dal 15 aprile al 15 maggio del 1948 fuggono 250.000 arabi. Che non saranno certo sistemati dignitosamente, non avranno condizioni di vita civili, ma verranno ammassati in campi profughi formati da tende, dove vegeteranno in condizioni penose, privi di avvenire. Naturalmente il malcontento, la tensione provocate da questa situazione verranno indirizzate dalla propaganda degli alti comandi arabi verso l’Yshuv.

13 APRILE 1948 – Gerusalemme – Nasce il primo governo ebraico. L’Agenzia ebraica ha annunciato oggi ufficialmente la formazione di un gabinetto formato da 13 membri; un capo del governo e 12 ministri – che “costituirà l’organo centrale del progettato stato ebraico in Palestina. (Ib. ore 16.50).

15 APRILE 1948 – Il Cairo – I CRISTIANI CONTRO LA SPARTIZIONE – Il Patriarca, i vescovi e i capi delle comunità religiose cristiane in Palestina hanno deciso di rendere noto alla Lega Araba che nell’interesse dei Luoghi Santi e dei Cristiani in Palestina, essi chiedono l’abbandono del progetto di spartizione. (Ib. ore 10.20)

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcShyJcWDHqWQ-cLcdpy8159VFH7M8BcQzP0cKurEPBfdy-PkTAbQA

 

 

(PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA I CRISTIANI SI SCHIERANO CON GLI ARABI – GLI EX INFEDELI). QUINDI NON È VERO CHE TUTTI GLI STATI DEL MONDO ERANO FAVOREVOLI AL NUOVO STATO D´ISRAELE. IL VATICANO (E NON SOLO QUESTO) AD ESEMPIO HA MOSTRATO SEMPRE DUBBI SULLA COSA, TANTO DA NON RICONOSCERE LO STATO D’ISRAELE FINO A NON MOLTO TEMPO FA (30 DICEMBRE 1993).

17 APRILE 1948 – (ore 11.45) – Il Consiglio di sicurezza ha votato una mozione per la tregua tra arabi e ebrei.

24 APRILE 1948 – (ore 18.15) – L’Onu costituisce una commissione di tregua tra arabi e ebrei.

26 APRILE 1948 – (ore 12.25) – Si concentrano le forze arabe. Truppe dell’Iraq sono penetrate in Palestina.

27 APRILE 1948 – (ore 10.50) – Violenti combattimenti a Haifa, Giaffa, Acri, e altre località della Palestina. I britannici – secondo un comunicato – avrebbero aperto un violento fuoco di mitragliatrici contro le forze delle organizzazioni ebraiche penetrate in Giaffa. Truppe irachene combatterebbero a fianco di truppe della Legione araba. IL PIROSCAFO “CASTEL” CON A BORDO 600 IMMIGRATI EBREI È STATO ABBORDATO AL LARGO DELLE COSTE PALESTINESI DA UN CACCIATORPEDINIERE BRITANNICO. A NICOSIA DAGLI INGLESI È STATA ANCHE INTERCETTATA LA NAVE “EXODUS” CON A BORDO 793 IMMIGRATI (ORE 11.05).

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQ1OHOX_lpggMjfZQlmOZr1kRE7jvQipsFB_pJEWVK6WhZgT4Ctzw

 

 

DOPO VARI GIORNI IN BALIA DEL MARE, LA NAVE EXODUS VIENE RIMANDATA SOTTO SCORTA AD AMBURGO.

UN FATTO CHE LASCIA ESTERREFATTI GLI STESSI TEDESCHI. UN EPISODIO CHE PORTA L’YSHUV ALLA DECISIONE INEVITABILE: ORGANIZZARE LA RESISTENZA PER LIBERARE IL TERRITORIO DAL DOMINIO INGLESE. E’ L’UNICO MODO PER CONQUISTARE L’INDIPENDENZA DEFINITIVA E DAR MODO AGLI EBREI DELLA DIASPORA, AI VARI PROFUGHI, DI TORNARE IN ISRAELE.

E resistenza è, dura e decisa: la conducono l’Haganà, l’Irgun Zvai Leumi (Organizzazione militare nazionale) e il Lohamei Herut Ìsrael (Combattenti d’Israele per la libertà) (entrambe considerate dagli inglesi delle bande terroristiche). Le organizzazioni agiscono indipendentemente, ma ognuna di loro conduce con maestria una guerriglia che, per la fulminea mobilità dei commandos, per l’intelligenza tattico-strategica con la quale questa task force si muove sui terreni più difficili, mette in ginocchio le truppe inglesi. Da queste tre organizzazioni, quando l’appena sorto stato ebraico si troverà davanti all’attacco arabo, nasceranno le regolari Forze di difesa israeliane.

28 APRILE 1948 – (ore 10.20) – I primi profughi palestinesi sono già arrivati in Egitto, completamente sprovvisti di mezzi di sostentamento. Il governo egiziano ha istituito un comitato di soccorso e ha stanziato 10 mila sterline per i primi aiuti ai fuggiaschi.

14 MAGGIO 1948 – – TEL AVIV – GLI EBREI PROCLAMANO LO STATO DI ISRAELE – “La Costituzione dello Stato Ebraico è stata proclamata nel pomeriggio di oggi a Tel Aviv nel corso di una solenne cerimonia. Il proclama ufficiale dice: “Noi membri del Consiglio nazionale che rappresenta il popolo ebraico in Palestina e il movimento ebraico nel mondo, riuniti in solenne assemblea nel giorno della scadenza del mandato britannico sulla Palestina, per virtù dei diritti naturali e storici del popolo ebraico, in forza della risoluzione dell’assemblea generale dell’Onu, proclamiamo la costituzione di uno stato ebraico in Palestina, che prenderà il nome di ISRAELE.” (Comun. Ansa, 14 maggio 1948, ore 16.45).

NASCE IL GOVERNO d’ISRAELE – Gli Ebrei agiscono subito, senza aspettare l’ONU. Il Consiglio nazionale ebraico assume provvisoriamente funzioni di governo dello Stato di Israele. BEN GURION sarà il primo ministro e ministro della difesa (Ib. ore 22.00)”.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRzzRrKEJ7iTH_-PH2D3Cq0C50uR-sMnfUOKCN0zzXbxM5Hk3e-

 

 

BEN GURION riuscì a fare un distinguo sul movimento. Tutti gli ebrei della diaspora sparsi per il mondo erano sì “sionisti” cioè “Amici di Israele”, ma considerava sionisti in senso stretto soltanto gli ebrei che si erano trasferiti o si volevano trasferire in Palestina. Inutile dire che queste dispute di carattere politico e religioso (appoggiando il nuovo governo una o l’altra fazione) crearono divisioni dentro lo stesso stato di Israele mentre era in fase di realizzazione la grande opera concepita da Herzl.

Ben Gurion verrà poi eletto primo ministro prima nel governo provvisorio poi riconfermato in quello ufficiale. Ma le due fazioni continueranno reciprocamente nelle loro ostilità. La più moderata esprime dei dubbi su questa decisione, nel voler ignorare così ostentatamente una decisione dell’ONU. E che il nuovo Stato parte debole, è accerchiato dagli Arabi, e inizia a farsi nemici in tutto il mondo per lo schiaffo che si vuol dare alle Nazioni Unite. Ben Gurion, sicuro di sé, tranquillizza (sa di avere l’appoggio degli Stati Uniti, ma anche della Russia (sempre contro il colonialismo inglese in Medio Oriente)

15 MAGGIO 1948 – Stati Uniti . IL PRESIDENTE TRUMAN DETIENE IL RECORD NEL RICONOSCIMENTO DEL NUOVO STATO; HA FIRMATO IL DECRETO CON CUI RICONOSCE UFFICIALMENTE IL NUOVO STATO EBRAICO IN QUANTO AUTORITÀ “DE FACTO” IN TERRA SANTA. – BEN GURION, HA INSOMMA AVUTO RAGIONE. HA DALLA SUA PARTE UNA GRANDE POTENZA. (IB. ORE 02.40).

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTZnl9WyBAlzEc7E-8F4phjjdmFSG-4eoS_PpfNIWihSffkJ0pwig

 

E SE TRUMAN NON DECIDEVA SUBITO, ERA PRONTO STALIN, L’ALTRA GRANDE POTENZA CHE RICONOSCE LO STATO D’ISRAELE DUE GIORNI DOPO, IL 17 MAGGIO, OVVIAMENTE IN FUNZIONE DEL PREDOMINIO BRITANNICO NEL MEDIO ORIENTE. GLI ALTRI STATI SI ADEGUANO, NON POSSONO COMPORTARSI DIVERSAMENTE. SALVO LA SANTA SEDE, CHE NON VUOLE EBREI IN TERRASANTA.

15 MAGGIO 1948 – L’Egitto è in guerra. L’ordine del primo ministro Nokrashi pascià, in un messaggio alla radio ha ordinato alle forze armate egiziane di entrare in Palestina per ristabilirvi la sicurezza. (Ib. ore 02.45).

15 MAGGIO 1948 (ore 06.00)- SUBITO DOPO LA PROCLAMAZIONE DELLO STATO D’ISRAELE, SCOPPIA LA PRIMA GUERRA ARABO-ISRAELIANA. GLI ESERCITI DELLA TRANSGIORDANIA, DELL’EGITTO E DELLA SIRIA, CON L’APPOGGIO DI CONTINGENTI LIBANESI E IRACHENI, SONO ENTRATE NEL TERRITORIO PALESTINESE “PER MANTENERE L’ORDINE E LA PACE E PER SALVARE I LUOGHI SANTI DALLE VIOLENZE E UMILIAZIONI DEGLI EBREI”.

IN REALTÀ GLI SCONTRI ERANO GIÀ COMINCIATI SIN DAL 30 NOVEMBRE 1947: SUBITO DOPO L’ADOZIONE DEL PIANO DI SPARTIZIONE DA PARTE DELL’ONU. DA PARTE ARABA SI RIFIUTAVA LA SPARTIZIONE E LA CONSEGUENTE CREAZIONE DI UNO STATO EBRAICO; DA PARTE EBRAICA, ANCHE SE SI ACCETTÒ LA DECISIONE DELL’ONU, SI SPERAVA DI MIGLIORARLA, AUMENTANDO, COSÌ, LA SUPERFICIE DI ISRAELE. ED INFATTI -COME VEDREMO- CON QUESTA PRIMA INVASIONE GLI ISRAELIANI RESPINSERO LE FORZE ARABE ED ESTESERO IL TERRITORIO A LORO DESTINATO DALL’ONU NEL 1947.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTciKZo2A04BJPFuL4c_04Z6-eA58K2pu87H5R4JJtiEmxoAyX-

 

 

15 MAGGIO 1948 – TEL AVIV È STATA BOMBARDATA STAMATTINA ALL’ALBA DA TRE APPARECCHI ARABI. (IB. ORE 09.00). MASSACRO A KFAR ETZION ANCORA COME RAPPRESAGLIA ALLA STRAGE DI DEIR YASSIN DEL 10 APRILE, GLI ARABI HANNO MASSACRATO L’INTERA POPOLAZIONE DELLE COLONIE EBRAICHE DI KFAR ETZION, A SUD DI GERUSALEMME” (Ib. ore 14.25)

Il precedente massacro di Deir Yassin ha comunque provocato delle reazioni nella popolazione araba che, come detto, ha dato il via a una fuga di massa degli Arabi dalla parte della Palestina di cui l’Onu prevede l’attribuzione agli ebrei. La Jewish Agency di Ben Gurion lancia agli arabi un appello perché rimangano, dicendo che la loro esistenza è garantita dentro lo Stato ebraico.

17 MAGGIO 1948 – (ore 23.35) – Radio Mosca annuncia che il governo sovietico ha riconosciuto ufficialmente lo stato di Israele. La Russia si è convinta che il nuovo Stato Ebraico che sorgerà riuscirà a far breccia nel tradizionale predominio britannico nel Medio Oriente. – Ben Gurion ha avuto un’altra volta ragione, ha pure Stalin dalla sua parte. E gli altri Stati occidentali seguono le due grandi potenze.

28 MAGGIO 1948 – (ore 11.30) Termina la battaglia per la vecchia Gerusalemme. Il quartiere ebraico della città si è arreso oggi alla Legione Araba dopo 12 giorni di accanita resistenza. Il numero degli ebrei che si sono arresi ammonta a 1500.

Rabin è impegnato in questa battaglia per Gerusalemme; proprio lui che è nato a Gerusalemme a 26 anni si trova sulle spalle la responsabilità di salvare la vita di decine di migliaia di persone e di difendere la città più cara alla storia ebraica. La città che le Nazioni Unite avrebbero voluto porre sotto amministrazione internazionale ma che poi, in pratica, hanno abbandonato alle sorti della guerra.

1 GIUGNO 1948 – (ore 12.20) Controffensiva ebraica. E’ stata bombardata Amman, capitale della Transgiordania, da forze ebraiche, colpiti obiettivi militari. (ore 24.00) Bernadotte (mediatore dell’Onu) ha proposto una tregua in Palestina che cominci alle ore 8 di venerdì 11 giugno.

9 GIUGNO 1948 – (ore 16.30) La tregua è accettata. Da buona fonte si apprende che sia arabi che ebrei hanno dato riposta positiva alle proposte di tregua di Bernadotte.

11 GIUGNO 1948 – (ore18.10) Il fuoco è cessato, ma in altri settori del Paese gli scontri continuano.

12 GIUGNO 1948 – – (ore 08.10) Da Marsiglia sono partiti armi e volontari con la nave “Altalena” battente bandiera panamense. I volontari sono polacchi, francesi, americani, britannici, ungheresi, cechi, austriaci e tedeschi. Pare che si tratti di ebrei ex internati nel campo di Belsen.

22 GIUGNO 1948 – (ore 18,20) Primi conflitti interni in Israele. Una tensione dovuta al conflitto tra il governo provvisorio d’Israele e le bande di Irgun Zvei Leumi e quelle di Stern; entrambe antigovernative.

25 GIUGNO 1948 – (ore 20.30) – Compare BEGIN, il comandante delle truppe israeliane irregolari dell’Irgun. Non riconosce il governo provvisorio, ne chiede lo scioglimento, e minaccia con le sue forze di intervenire.

29 GIUGNO 1948 – (ore 01.00) – Trapela il “Piano di Bernadotte”. In alcuni punti principali si apprende 1) mantenimento di uno stato ebraico più ridotto; 2) Mantenimento dell’unità palestinese tra la zona ebrea e quella araba; 3) Libertà d’immigrazione senza limiti nella zona ebraica; 4) Statuto internazionale e corridoi di accesso a Gerusalemme. Alle ore 12.43, dello stesso giorno 29 GIUGNO si conclude l’evacuazione delle truppe inglesi dalla Palestina, con l’ammaino della bandiera britannica. Termina ufficialmente dopo 25 anni l’occupazione britannica.

3 LUGLIO 1948 – (ore 24.00) – La lega araba ufficialmente rifiuta il piano del mediatore Onu Bernadotte.

6 LUGLIO 1948 – (ore 14.35) – Anche il Consiglio di stato d’Israele ha deciso di respingere completamente le proposte di pace fatte dal mediatore delle Nazioni Unite, conte Bernadotte.

9 LUGLIO 1948 (ore 10.20) – La guerra riprende. Arabi ed ebrei hanno stamani riaperto le ostilità e il fuoco.

9 AGOSTO 1948 – (ore 14.00) – Israele propone nuovamente un negoziato di pace, ancora una volta tramite il mediatore ONU Bernadotte.

10 AGOSTO 1948 – (ore 23.00) – La Lega Araba respinge le proposte di pace avanzate dal governo Israele, perché -affermano- non riconoscendo il governo non possono di conseguenza entrare in simili trattative.

17 SETTEMBRE 1948 – (ore 21.00) – Il mediatore di pace dell’Onu BERNADOTTE è stato assassinato oggi alle ore 12.00 a Gerusalemme assieme al colonnello Serot osservatore delle Nazioni Unite.

16 NOVEMBRE 1948 – (ore 15.00) – L’ONU ordina un armistizio. 8 voti contro 1 (Siria) mentre Urss e Ucraina si sono astenute.

7 GENNAIO 1949- (ore 14.00) – Alle ore 13.00 il governo di Israele ha dato ordine a tutte le sue forze di terra, di mare e d’aria di cessare il fuoco.

13 GENNAIO 1949 – (ore 15.00) – Si comincia oggi a Rodi a negoziare. BUNCHE ha sostituito Bernadotte.

17 FEBBRAIO 1949 – (ore 08.00) – Ieri sera è stato eletto Presidente dello Stato di Israele CHAIM WEIZMANN.

24 FEBBRAIO 1949 – (ore 01.00) – Rodi: La Reuter informa che è stato firmato oggi un armistizio generale fra l’Egitto e lo Stato d’Israele.

20 MARZO 1949 – (ore 20.00) – Accordo armistiziale fra Israele e lo stato del Libano. Mercoledì la firma.

3 APRILE 1949 – (ore 22.00) – Firmato l’armistizio anche fra Israele e i rappresentanti della Trangiordania.

20 LUGLIO 1949 – (ore 11.00) – Cerimonia ufficiale oggi per la firma fra Siria e Israele dopo mesi di negoziati

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcT8BN_LNWWA94SPKPtiRUEhnha4E4uKjkAtn_zScA_YNwtMJ3Bwiw

 

 

E’ da qui, nonostante gli armistizi siglati e non rispettati, che guerra dopo guerra, battaglia dopo battaglia, inizia la lunga serie di sconfitte militari subite dagli arabi da parte degli Israeliani. Cominciano a nascere così i primi campi profughi. Questi vengono allestiti in Libano, Siria e Giordania con al loro interno quasi due milioni di persone povere, turbolente ed invise anche agli arabi locali TANTO CHE NEL SETTEMBRE 1970 I GIORDANI VI MASSACRANO MIGLIAIA DI PALESTINESI.

La vita dei Palestinesi in tali campi si trasforma presto in un inferno e così, del resto, continua ad esserlo ancora oggi. Altra guerra nel 1956 con relativa altra vittoria di Israele e così via fino alla guerra dei sei giorni (1967) quando solo l’intervento internazionale ferma la incontenibile avanzata di Israele verso i paesi arabi limitrofi (in particolare l’Egitto). Suddetta guerra è da molti imputata ad un attacco proditorio da parte di Israele nei confronti dell’Egitto, ma come al solito la disinformazione la fa sempre da padrona per cui nessuno si prende mai la briga di ricordare che nel maggio 1967 Nasser ricevette falsi rapporti dall’Unione Sovietica secondo i quali Israele stava ammassando truppe al confine siriano; Nasser iniziò allora ad ammassare truppe nella Penisola del Sinai, lungo il confine israeliano (16 maggio) ed espulse la forza UNEF da Gaza e dal Sinai (19 maggio) occupando le posizioni dell’UNEF a Sharm el-Sheikh, sugli Stretti di Tiran. (Nel ’67 Nasser non espelle le truppe Onu dal Sinai, bensì intima all’Onu di toglierle di mezzo perché deve andare a distruggere Israele, e l’Onu, nella persona del segretario generale U’ Thant obbedisce istantaneamente. N.d.R.)

Israele allora ripeté le dichiarazioni fatte nel 1957, secondo le quali una chiusura degli stretti sarebbe stato considerato un atto di guerra o comunque una giustificazione per la guerra.

Nasser di contro, dichiarò gli Stretti chiusi alle navi israeliane il 22-23 maggio. Immediatamente dopo il 30 maggio, la Giordania e l’Egitto firmarono un patto di mutua difesa. Il giorno successivo, dietro invito giordano, anche l’esercito iracheno iniziò a schierare truppe e unità corazzate in Giordania, con un successivo rinforzo di un contingente egiziano. Soltanto allora, considerato il precipitare degli eventi, in data 1º giugno, Israele formò un governo di unità nazionale allargando il gabinetto e, solo il 4 giugno, dopo aver preso definitivamente coscienza dei rischi che lo Stato d’Israele stava correndo visto l’allargamento dell’alleanza araba, fu presa la decisione di aprire le ostilità. Il mattino successivo quindi, Israele lanciò l’Operazione Focus, e un attacco aereo a sorpresa a larga scala, sancì l’inizio della Guerra dei sei giorni.

A questo punto l’ONU emise la famosa risoluzione 242 ove si chiedeva il ritiro di Israele dai territori occupati e che segnò la nascita dell’OLP (cfr. Nota 4).

Nel 1973 gli arabi ci riprovano di nuovo e, questa volta, a tradimento (la famosa guerra del Kippur) con il solito risultato disastroso di una sonora sconfitta e con il solito intervento affannoso dell’ONU che ferma le truppe israeliane ormai dirette a un tranquillo week end alle piramidi di El Giza

 

http://no2wars.files.wordpress.com/2008/12/hamas_war0402img_assist_custom1.jpg?w=497

 

 

Nel 1993 gli accordi di Oslo, firmati a Washington, sancirono nuovamente l’applicazione della risoluzione 242.

Ora è necessario però spiegare meglio cosa sia questa “risoluzione” visto che pare essere uno dei principali oggetti del contendere.

Dunque, il 22 novembre 1967, all’indomani della Guerra dei Sei Giorni, il Consiglio di Sicurezza della Nazioni Unite adottò la risoluzione 242. Essa fu internazionalmente riconosciuta come la base giuridica dei negoziati tra Israele e i vicini arabi. Fu il risultato di cinque mesi di intense trattative. Ogni sua parola fu attentamente soppesata. Da allora, per i successivi quarant’anni, la 242 ha rappresentato la cornice legale per una soluzione di pace del conflitto arabo-israeliano. La 242 è infatti la sola risoluzione del Consiglio di Sicurezza che sia stata accettata da tutte le parti del contenzioso come base per la ricerca della pace: sia i due accordi di pace rispettivamente con Egitto e Giordania, sia gli accordi ad interim di Oslo con l’Olp si fondano infatti sulla 242.

Purtroppo i siti di “disinformazione scorretta” e di propaganda filo-araba forniscono quotidianamente un’ interpretazione completamente errata della succitata risoluzione 242, e sostengono che essa prescriverebbe il ritiro di Israele sulle linee del 4 giugno 1967 (i ‘confini indifendibili’), ‘restituendo’ cioè Gaza (ad oggi già ceduta) e la West Bank.

Questo modo di informare scorrettamente alimenta la leggenda che Israele non rispetti le risoluzioni dell’Onu (cfr. nota 5), sostenendo che Israele le violerebbe dal momento che, nonostante la 242, non si è ritirato da tutti i territori conquistati nel 1967.

LA VERITÀ È INVECE BEN DIVERSA: LA RISOLUZIONE 242 NON CHIEDE AFFATTO A ISRAELE DI RITIRARSI UNILATERALMENTE E SENZA CONDIZIONI.

La 242 infatti è composta da due parti:

A) I paesi coinvolti nel conflitto devono negoziare la pace e riconoscersi a vicenda.

B) Israele deve operare un ritiro (ma non è non definito).

Il primo punto espresso dalla risoluzione riguarda la ‘inammissibilità dell’acquisizione di territori mediante la guerra’. Alcuni interpretano questo come a voler dire che Israele dovrebbe ritirarsi da tutti i territori conquistati durante la sua difesa. Al contrario, il riferimento si applica chiaramente solo ad una guerra offensiva. Se così non fosse, la risoluzione sarebbe di fatto un incentivo alle aggressioni. Se un paese ne attaccasse un altro, e il difensore respingesse l’attacco acquisendo così nuovi territori, questa interpretazione obbligherebbe il difensore a restituire all’aggressore tutti i territori in questione. Ogni paese potrebbe attaccarne un altro e, in caso di sconfitta, recuperare sempre e comunque tutto il suo territorio, senza aver nulla da perdere.

NON DIMENTICHIAMOCI CHE LA GUERRA DEL 1967 FU SCATENATA UNILATERALMENTE DAGLI ARABI, CON L’INTENTO DICHIARATO DI ANNIENTARE ISRAELE.

In secondo luogo, la 242 chiede il “ritiro delle forze armate israeliane da territori (“FROM TERRITORIES”) occupati nel recente conflitto”.

L’ARTICOLO DETERMINATIVO “I” (“DAI TERRITORI”) O IL TERMINE “TUTTI” DAVANTI ALLA PAROLA TERRITORI NON VENNERO INSERITI NELLA RISOLUZIONE. E NON SI TRATTÒ CERTO DI UN ERRORE DI BATTITURA. LO SCOPO DEGLI ESTENSORI DEL TESTO DELLA RISOLUZIONE, INFATTI, ERA CHIEDERE CHE ISRAELE SI RITIRASSE SENZA INDICARE L’ESTENSIONE ESATTA DEL RITIRO: LA COSA VENIVA LASCIATA AL NEGOZIATO FRA LE PARTI.

HUGH MACKINTOSH FOOT BARON CARADON CHE INSIEME AD ALTRI DIPLOMATICI REDASSE LA BOZZA DELLA RISOLUZIONE MISE BENE IN CHIARO, SUCCESSIVAMENTE, CHE QUESTA ERA ESATTAMENTE LA LORO INTENZIONE.

ED ESSENDO LA RISOLUZIONE SCRITTA OVVIAMENTE IN INGLESE L’ESPRESSIONE USATA PER IL RITIRO FU: WITHDRAWAL […] FROM TERRITORIES che alla lettera non è assolutamente prescrittiva sui termini esatti del ritiro. I DISINFORMATORI SI BASANO OVVIAMENTE SULLA TRADUZIONE DELLA RISOLUZIONE IN FRANCESE DOVE L’ESPRESSIONE SI TRASFORMA IN: retrait […] des territoires che sembrerebbe implicare un ritiro integrale. Tutto questo accade nonostante Lord Caradon abbia dichiarato esplicitamente in un’intervista:

« La frase essenziale e mai abbastanza ricordata e’ che il ritiro deve avvenire su confini sicuri e riconosciuti. Non stava a noi decidere quali fossero esattamente questi confini. Conosco le linee del 1967 molto bene e so che non sono un confine soddisfacente. »

Nonché anche l’allora Presidente degli Stati Uniti, il democratico Lyndon Baines Johnson abbia sottolineato come:

« Non siamo noi che dobbiamo dire dove le nazioni debbano tracciare linee di confine tra di loro tali da garantire a ciascuna la massima sicurezza possibile. È chiaro, comunque, che il ritorno alla situazione del 4 giugno 1967 non porterebbe alla pace. Devono esservi confini sicuri e riconosciuti. E questi confini devono essere concordati tra i paesi confinanti interessati. »

Tutto ciò avviene perché la parte araba, di cui i siti di disinformazione sono portavoce, ha sempre sostenuto che la risoluzione chiede a Israele di ritirarsi completamente dai territori conquistati durante la guerra dei sei giorni. A ‘riprova’, se ci fate caso, da costoro viene sempre esibita SOLO ED UNICAMENTE la versione della risoluzione in lingua francese.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQk1_pjbYR5KzbFbod1SItNc86XwZ89XNby0r6m4gzj9QPxkfj9TA

 

 

I SOVIETICI, GLI ARABI E I LORO ALLEATI FECERO DI TUTTO PER INSERIRE NELLA BOZZA DI TESTO DELLA RISOLUZIONE LA PAROLA “TUTTI” DAVANTI AI “TERRITORI” DA CUI ISRAELE DOVEVA RITIRARSI. MA LA LORO RICHIESTA FU RESPINTA. Alla fine, lo stesso primo ministro sovietico Kossygin contattò direttamente il presidente americano Lyndon Johnson per chiedere l’inserimento della parola “tutti” davanti a “territori”. Anche questo tentativo fu respinto. Kossygin chiese allora, come formula di compromesso, di inserire l’articolo determinativo ‘i’ davanti a “territori” (“dai territori” anziché “da territori”). Johnson rifiutò rispondendo quanto già citato sopra.

Subito dopo la Guerra dei Sei Giorni, il primo ministro israeliano Eshkol chiarì la posizione di Israele, ponendo le logiche condizioni per un negoziato:

“FINCHE’ I NOSTRI VICINI PERSISTERANNO NELLA LORO POLITICA DI BELLIGERANZA E CONTINUERANNO A PROGETTARE LA NOSTRA DISTRUZIONE, NOI NON LASCEREMO I TERRITORI CHE SONO ORA SOTTO IL NOSTRO CONTROLLO E CHE RITENIAMO NECESSARI PER LA NOSTRA SICUREZZA E AUTODIFESA. SE INVECE I PAESI ARABI ACCETTERANNO DI DISCUTERE DI PACE CON NOI DIRETTAMENTE, ALLORA NON VI SARÀ PROBLEMA CHE NON POSSA ESSERE RISOLTO IN NEGOZIATI DIRETTI A VANTAGGIO DI TUTTE LE PARTI”.

(Sembra quasi di sentire dichiarazioni attuali mi sembra, o no?

LA RISPOSTA ARABA NON SI FECE ATTENDERE. IL 1 SETTEMBRE LA LEGA ARABA RIUNITA A KHARTOUM (SUDAN) RIBADÌ ‘I TRE NO’: “NO AL RICONOSCIMENTO DI ISRAELE, NO AL NEGOZIATO CON ISRAELE, NO ALLA PACE CON ISRAELE”. CUI PRODEST? A chi giova tutto ciò?

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcT5Yi2gj3NkW9IklV2mHTqL1fUbaKntVlAPhsFe59JR0J3MGJzN

 

Lo status quo, è scontato che faccia comodo agli occidentali, e in particolare agli americani, perché una forte potenza militare filo-occidentale e di frontiera è assolutamente indispensabile nel tormentato Medio Oriente, soprattutto se direttamente a ridosso degli stati arabi più fanatici e più follemente integralisti. Ma nel contempo fa anche molto comodo ai dirigenti delle organizzazioni palestinesi, Hamas compresa, perché non ci avranno certo messo troppo tempo a capire quello che è ovvio: la formazione dello Stato palestinese significherebbe inevitabilmente la fine delle loro posizioni di privilegio, la fine di una situazione che sotto certi aspetti è per loro una vera pacchia poiché oggi non hanno certo la onerosa responsabilità di gestire una nazione che sarà assolutamente ingestibile e possono invece pompare fiumi di dollari dalle casse dei Paesi arabi vicini. Il giorno che si realizzasse uno stato palestinese come farebbero i dirigenti palestinesi e Hamas a mandare avanti una baracca che non potrà mai funzionare e che ora, invece, così monca e incompiuta riesce a convogliare aiuti da mezzo mondo e, in definitiva dollari?

Tra l’altro le terre reclamate dai palestinesi, e delle quali comunque hanno già avuto dagli israeliani la maggior parte, consistono nella striscia di Gaza (sul Mediterraneo), nella Cisgiordania (attorno al Mar Morto), di sei città già tutte palestinesi (Qualqiliya, Jenin, Nablus, Tulkare, Ramallah e Betlemme) sparse qua e là per Israele e di 400 villaggi attorno alle città di cui sopra.

Il futuro stato palestinese, quindi, consiste in due territori abbastanza estesi, di cui uno praticamente desertico (Gaza) e l’altro in buona parte (la Cisgiordania) e di qualche villaggio, cittadina o villaggio sparsi qua e là per lo stato di Israele.

Il futuro stato palestinese, DICONO LE FONTI PALESTINESI, potrebbe contare su un prodotto interno lordo di 240 milioni di dollari (numero molto importante che rappresenterebbe poco più della decima parte del bilancio del Comune di Roma!). Ammettiamo perciò che il funzionario palestinese abbia dimenticato uno zero alla cifra che ha dichiarato, siamo sempre e comunque a bilanci assolutamente ridicoli per uno Stato che voglia definirsi tale o che, comunque voglia anche minimamente contrapporsi al suo potente vicino che ha un PIL di 150 mila miliardi. Non credo si debba essere degli esperti di politica per capire che uno Stato come quello sognato dal popolo palestinese non potrà mai esistere se nella sua forma e nei suoi confini non verrà ridiscusso soprattutto con i Paesi Arabi confinanti.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRAvcRpLS3_dnYwotsRBWvCMD-nYfi3f9PTG8lRUQgnrzUUfSphzg

 

 

Ma secondo voi è possibile che esista uno Stato dove per andare da un posto all’altro ci vuole il passaporto? Uno stato privo di un tessuto industriale, agricolo e commerciale? Uno stato dove le merci per spostarsi dai luoghi di produzione (ammesso che ne esista qualcuno) a quelli di commercializzazione dovrebbero sottostare all’arbitrio del vicino? Uno stato ove la erogazione dell’acqua è nel più completo arbitrio di quello Stato che fino a poco tempo ha bombardato con razzi e massacrato con attacchi terroristici, kamikaze e non, e che quindi prima della fondazione del suo Staterello era il nemico? Uno stato che non produce energia e dove, quindi, quando il povero palestinese deciderà di accendere la lampadina dovrà pregare Allah di far alzare dal letto per il verso giusto il gestore israeliano della più vicina centrale elettrica? E questo sarebbe uno Stato indipendente?

Ma non basta: l’impossibilità di gestire le reti elettriche, idriche, stradali e ferroviarie del loro futuro Stato li porterebbe ad un asservimento assoluto agli arbitrii degli israeliani; molto peggio di come accade oggi. SÌ, PERCHÉ OGGI GLI ISRAELIANI SONO I SOLI CHE ASSICURANO UN MINIMO DI SOPRAVVIVENZA ALLA POPOLAZIONE PALESTINESE E UN MINIMO DI ISTRUZIONE E DI ASSISTENZA.

Gli Stati arabi si limitano a finanziare Hamas e chiunque sia disposto a portare avanti la guerra ad Israele, punto e basta. Dei palestinesi non gliene può fregar di meno. SONO STATI INFATTI GLI STESSI LEADERS ARABI A NEGARE L’ESISTENZA DI UN POPOLO ARABO PALESTINESE DISTINTO, ANZI A RIGETTARE PERFINO L’INDENTIFICAZIONE DI QUELLA REGIONE CON IL NOME DI PALESTINA! Gli arabi in ‘Palestina’ erano perlopiù immigrati siriani, e giustamente non si consideravano (e rifiutavano di essere considerati) come un’entità separata dagli arabi degli stati limitrofi. A questo proposito cito un po’ di dichiarazioni di fonte araba:

Auni Bey Abdul-Hadi, un leader arabo locale, dichiarò alla Commissione Peel nel 1937:

“Non esiste alcun paese noto come [Palestina]! ‘Palestina’ è un termine che i sionisti hanno inventato! Non c’è alcuna ‘Palestina’ nella Bibbia. Il nostro paese è stato per secoli parte della Siria”. (In realtà il testo originale dice “nella storia” e perché mai, poi, un arabo musulmano dovrebbe interessarsi a quello che dice la Bibbia? N.d.R.)

Il rappresentante dell’Alto Comitato Arabo alle Nazioni Unite rilasciò la seguente dichiarazione durante l’Assemblea Generale svoltasi a maggio del 1947:

“La Palestina era parte della provincia della Siria… politicamente, gli arabi di Palestina non erano indipendenti, nel senso che non formavano un’entità politica separata”.

Ahmed Shuqeiri, ex presidente dell’OLP, dichiarò davanti al Concilio di Sicurezza dell’ONU: “E’ comunemente noto che la Palestina non è altro che la Siria meridionale”. (L’intervento di Shuqeiri è del 1956: in quel momento l’Olp non è ancora stata fondata, quindi lui è il futuro fondatore, non l’ex presidente. N.d.R.)

Zahir Muhsein, in un’ intervista al giornale olandese ‘Trouw’ avvenuta il 31 marzo 1977, dichiarò:

“Il popolo palestinese non esiste. La creazione di uno stato palestinese è soltanto uno strumento per la continuazione della nostra lotta contro lo stato di Israele per la nostra unità araba. In realtà oggi non c’è differenza fra giordani, palestinesi, siriani e libanesi. E’ soltanto per ragioni politiche e tattiche che noi parliamo dell’esistenza del popolo palestinese, dato che l’interesse nazionale arabo richiede che noi presupponiamo l’esistenza di un ‘popolo palestinese’ distinto che si opponga al Sionismo. Per ragioni tattiche la Giordania, che è uno stato sovrano con confini delimitati, non può avanzare diritti su Haifa e Jaffa, mentre come palestinese io posso senza dubbio rivendicare Haifa, Jaffa, Beer-Sheva e Gerusalemme. Tuttavia, nel momento in cui reclamiamo il nostro diritto su tutta la Palestina, non aspetteremo neanche un minuto a riunire la Palestina e la Giordania”.

Farouk Radoumi, nel 1998, capo diplomatico dell’OLP, chiarì nuovamente il fine ultimo di quell’arma tattica nota come ‘popolo palestinese’:

“Appena lo Stato Palestinese avrà guadagnato un riconoscimento dalla maggior parte delle nazioni del mondo, come ci aspettiamo, la presenza israeliana su terra palestinese diventerà illegale e noi la combatteremo con le armi. La battaglia contro le forze israeliane è un diritto a noi riservato”. (Farouk Radoumi, al giornale dell’AP ‘AL HAYAT AL-JADEEDA’, 15 ottobre l998).

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTSRVvxM_KcwMjKdSD1rr5YYKArO1V_5L2tLrk7GHksv8fUchJPdQ

 

 

E’ importante notare che il movimento nazionalista fra i residenti non ebrei di Palestina non si originò mai sul suo territorio, ma fu importato dall’Egitto, dalla Turchia e dalla Francia. Si è trattato di un movimento esclusivamente politico nel senso più stretto del termine, e che ha sempre mostrato poca consapevolezza dei problemi che giorno per giorno sarebbero potuti sorgere se i suoi obbiettivi politici fossero stati raggiunti”.

Scopriamo dunque che NELLA VERITÀ STORICA NON C’È ASSOLUTAMENTE TRACCIA DI UN ‘POPOLO PALESTINESE DISTINTO’, MA SOLO DI ‘ARABI’: scoperta confermata a più riprese dai dati relativi alla popolazione originaria della Palestina, da quelli dell’immigrazione araba legale ed illegale, e da tutte le dichiarazioni arabe precedenti che confermano il fatto che il termine ‘palestinese’ era associabile più al popolo ebraico che non a quello arabo.

IL ‘POPOLO PALESTINESE’ COME VIENE PROPAGANDATO OGGI, CIOÈ ESCLUSIVAMENTE ARABO, LEGATO ALLA PALESTINA DA SECOLI (SE NON MILLENNI) DI STORIA, CON UNA SUA PROPRIA CULTURA E IDENTITÀ NAZIONALE ‘PALESTINESI’, NON È CHE UN’INVENZIONE POLITICA SUCCESSIVA AGLI ANNI ’60.

Le dichiarazioni sopracitate da parte dei militanti ‘palestinesi’ sono tutte a conferma del fatto che il ‘nazionalismo palestinese’ arabo (come lo conosciamo oggi) sia una colossale invenzione araba e si può tranquillamente affermare che è soltanto negli ultimi decenni che il termine ‘palestinese’ è stato adottato dagli arabi, come se questo nome appartenesse esclusivamente a loro, fingendo di avere una lunga storia alle spalle ed una identità nazionale indipendente.

Fino al 1967, come abbiamo visto, la maggior parte di coloro che si chiamano ‘palestinesi’ erano ragionevolmente soddisfatti della loro identità siriana o della cittadinanza giordana (o egiziana).

L’USO DEL TERMINE ‘PALESTINESE’ SENZA IL SUFFISSO ‘ARABO’ E DI ESPRESSIONI QUALI: ‘PALESTINA OCCUPATA DA ISRAELE’ È SERVITO ALLO SCOPO DI CONFONDERE L’OPINIONE PUBBLICA, INDUCENDO A PENSARE CHE CI SIA SEMPRE STATO UN POPOLO PALESTINESE INDIPENDENTE AL QUALE NON È STATA OFFERTA L’OPPORTUNITÀ DELL’AUTO-DETERMINAZIONE. IN EFFETTI, SE ANCHE FOSSE VERO (CHE NON È), UN TALE FALLIMENTO SAREBBE PIÙ IMPUTABILE ALLA GIORDANIA CHE NON AD ISRAELE, DATO CHE LA GIORDANIA OCCUPA LA MAGGIOR PARTE DI CIÒ CHE ERA NOTA IN ORIGINE COME PALESTINA ANCHE SENZA LA WEST BANK E GAZA.

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRukhpAAWgIFQd39V9qkJ0qOiplKRrtXEeSpYpAdO5SBLk-5cLG

 

 

Non c’è dubbio che tutto ciò quindi rappresenti una delle più grandi e gravi falsificazioni storiche dell’era moderna. E questo non lo dico io ma tutte le dichiarazioni sopracitate cui aggiungo come se non bastassero anche le parole di Joseph Farah, giornalista arabo-americano, editore e CEO di WorldNetDaily:

“NON ESISTE LINGUA NOTA COME ‘PALESTINESE’. NON ESISTE UNA CULTURA PALESTINESE DISTINTA. NON C’È MAI STATA UNA TERRA NOTA COME ‘PALESTINA GOVERNATA DAI PALESTINESI’. I PALESTINESI SONO ARABI, INDISTINGUIBILI DAI GIORDANI (UN’ALTRA INVENZIONE RECENTE), I SIRIANI, I LIBANESI, GLI IRACHENI, ECCETERA. TENIAMO IN MENTE CHE GLI ARABI CONTROLLANO IL 99,9% DELLE TERRE IN MEDIO ORIENTE. ISRAELE RAPPRESENTA UN DECIMO DELL’ 1% DELLA TERRA TOTALE. Ma questo è comunque troppo per gli arabi. Loro la vogliono tutta quanta. Ed è per questo motivo che, fondamentalmente, oggi si combatte in Israele. Avidità. Orgoglio. Invidia. Bramosia. Non importa quante concessioni di terra Israele faccia, non saranno mai abbastanza”.

Anche l’eminente studioso di storia mediorientale Bernard Lewis affermò a più riprese che:

“…il fondamentale senso di identità storica corporativa [degli arabi palestinesi] fu, a vari livelli, musulmano o arabo, o ancora, per alcuni, siriano; è significativo il fatto che perfino alla fine del Mandato nel 1948, dopo trent’anni di una separata esistenza politica palestinese, non ci fossero assolutamente libri in arabo sulla storia della Palestina…”.

(Bernard Lewis, ‘Semites and Anti-Semites: An Inquiry into Conflict and Prejudice’, (New York: Norton, 1999), p. 186).

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTlLeK1oave5WbHmfL_si5m06obaCYvIMDk9d1lsJxdP6k0fztmfg

 

Torniamo comunque alla farsa della promessa ai “palestinesi” dello Stato Palestinese, mi domando: ma chi avrà la capacità, la forza e i capitali per gestire il tessuto statale quando tutte le principali leve dell’industria, dei servizi e dell’agricoltura sono in mano a quello che oggi considerano e trattano come nemico? Quale imprenditore straniero, anche se la manodopera costasse zero, vorrebbe mai produrre qualsiasi cosa in Palestina ben sapendo che potenzialmente, se la sua produzione si sviluppasse troppo e potesse quindi dare fastidio agli israeliani, si ritroverebbe subito con le frontiere chiuse, senza acqua e senza elettricità ed assolutamente impossibilitato ad esportare il frutto del suo lavoro. E quindi quello palestinese sarebbe uno Stato libero? Uno Stato per il quale vale la pena di andare a morire, contro i carri israeliani?

Se analizziamo con cura i pochi numeri sopra riportati e gettiamo uno sguardo alla ridicola mappa dell’eventuale Stato palestinese non possiamo fare altro che trarre una conclusione: i palestinesi debbono ringraziare Allah se il loro stato non vedrà mai la luce (a queste condizioni e senza concessione di territori da parte dei Paesi Arabi loro fratelli) altrimenti passeranno dalla attuale situazione di disagio e di povertà a quella di una assoluta indigenza.

Per chiarire meglio la cosa voglio fare un ulteriore esempio, ma questa volta utilizzando il “surreale” (tanto caro al prof. Sergio di Cori Modigliani a cui mando un abbraccio): SE QUALCUNO, ATTRATTO DALLE INDUBBIE CAPACITÀ E DALLA OPEROSITÀ DEI PALESTINESI, VOLESSE IMPIANTARE UNA PRODUZIONE DI SOFISTICATI MICROCIHPS A NABULUS COME FARÀ A RAGGIUNGERE PORTI O AEROPORTI PER ESPORTARLI SENZA LA COOPERAZIONE DI ISRAELE?

Quindi tu, palestinese, tu Hamas, stai attaccando e bombardando chi dovrebbe essere tuo “socio” in affari in una certa qual maniera? È furbo un comportamento del genere? Ovviamente no. Ma allora perché lo fanno?

Vogliamo dare un occhiatina a un paio di articoli dello Statuto di Hamas, l’organizzazione (terroristica) finanziata dai maggiori Paesi Arabi che dovrebbe solo “difendere” la causa palestinese?

Articolo 7

A causa della distribuzione dei musulmani che hanno adottato la dottrina del Movimento di Resistenza Islamico in tutto il mondo, e che lavorano per sostenerlo, mantenere le sue posizioni e rafforzare il suo jihad, il movimento ha carattere universale. La sua chiamata è ampia a causa della chiarezza del suo pensiero, della nobiltà del suo scopo, dell’ampiezza dei suoi obiettivi.

È su queste basi che il movimento deve essere visto, valutato con equità e riconosciuto nel suo ruolo. Chiunque nega i suoi diritti, o si rifiuta di sostenerlo, o è così cieco da non vedere il suo ruolo, in verità sta sfidando il fato stesso. E chi chiude gli occhi alla realtà, intenzionalmente o meno, si sveglierà per ritrovarsi sopraffatto dagli eventi e non avrà scuse per giustificare la sua posizione. Il premio si dà a coloro che arrivano per primi.

L’oppressione da parte dei propri parenti e concittadini è più dolorosa per l’anima del taglio di una spada indiana.

“E su di te abbiamo fatto scendere il Libro con la Verità, a conferma della Scrittura che era scesa in precedenza e lo abbiamo preservato da ogni alterazione. Giudica tra loro secondo quello che Allah ha fatto scendere, non conformarti alle loro passioni allontanandoti dalla verità che ti è giunta. A ognuno di voi abbiamo assegnato una via e un percorso. Se Allah avesse voluto, avrebbe fatto di voi una sola comunità. Vi ha voluto però provare con quel che vi ha dato. Gareggiate in opere buone: tutti ritornerete ad Allah ed Egli vi informerà a proposito delle cose sulle quali siete discordi” (Corano 5, 48).

Il Movimento di Resistenza Islamico è uno degli anelli della catena del jihad nella sua lotta contro l’invasione sionista. È legato all’anello rappresentato dal martire ‘Izz-Id-Din al-Qassam [1882-1935, su cui cfr. sopra in questo volume] e dai suoi fratelli nel combattimento, i Fratelli Musulmani del 1936 [che continuarono la lotta dopo che al-Qassam fu ucciso nel 1935]. E la catena continua per collegarsi a un altro anello, il jihad degli sforzi dei Fratelli Musulmani nella guerra del 1948, nonché le operazioni di jihad dei Fratelli Musulmani nel 1968 e oltre. Benché gli anelli siano distanti l’uno dall’altro, e molti ostacoli siano stati posti di fronte ai combattenti da coloro che si muovono agli ordini del sionismo così da rendere talora impossibile il perseguimento del jihad, il Movimento di Resistenza Islamico ha sempre cercato di corrispondere alle promesse di Allah, senza chiedersi quanto tempo ci sarebbe voluto. Il Profeta – le preghiere e la pace di Allah siano con Lui – dichiarò: “L’ULTIMO GIORNO NON VERRÀ FINCHÉ TUTTI I MUSULMANI NON COMBATTERANNO CONTRO GLI EBREI, E I MUSULMANI NON LI UCCIDERANNO, E FINO A QUANDO GLI EBREI SI NASCONDERANNO DIETRO UNA PIETRA O UN ALBERO, E LA PIETRA O L’ALBERO DIRANNO: O MUSULMANO, O SERVO DI ALLAH, C’È UN EBREO NASCOSTO DIETRO DI ME – VIENI E UCCIDILO; MA L’ALBERO DI GHARQAD NON LO DIRÀ, PERCHÉ È L’ALBERO DEGLI EBREI” (citato da al-Bukhari e da Muslim).

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSIp-HiMdB96i9e3_FtcH9qrWZtdLwY5aSZC1AaHrnC3off-hQz6A

 

 

Articolo 13

LE INIZIATIVE DI PACE, LE COSIDDETTE SOLUZIONI PACIFICHE, LE CONFERENZE INTERNAZIONALI PER RISOLVERE IL PROBLEMA PALESTINESE CONTRADDICONO TUTTE LE CREDENZE DEL MOVIMENTO DI RESISTENZA ISLAMICO. IN VERITÀ, CEDERE QUALUNQUE PARTE DELLA PALESTINA EQUIVALE A CEDERE UNA PARTE DELLA RELIGIONE. IL NAZIONALISMO DEL MOVIMENTO DI RESISTENZA ISLAMICO È PARTE DELLA SUA RELIGIONE, E INSEGNA AI SUOI MEMBRI AD ADERIRE ALLA RELIGIONE E INNALZARE LA BANDIERA DI ALLAH SULLA LORO PATRIA MENTRE COMBATTONO IL JIHAD.

“Allah ha il predominio nei Suoi disegni, ma la maggior parte degli uomini non lo sa” (Corano 12, 21).

Di tanto in tanto, si sente un appello a organizzare una conferenza internazionale per cercare una soluzione al problema palestinese. Alcuni accettano l’idea, altri la rifiutano per una ragione o per un’altra, domandando il rispetto di una o più condizioni come requisito per organizzare la conferenza o per parteciparvi. MA IL MOVIMENTO DI RESISTENZA ISLAMICO – CHE CONOSCE LE PARTI CHE SI PRESENTANO ALLE CONFERENZE E IL LORO ATTEGGIAMENTO PASSATO E PRESENTE RISPETTO AI VERI PROBLEMI DEI MUSULMANI – NON CREDE CHE QUESTE CONFERENZE SIANO CAPACI DI RISPONDERE ALLE DOMANDE, O RESTAURARE I DIRITTI O RENDERE GIUSTIZIA AGLI OPPRESSI. QUESTE CONFERENZE NON SONO NULLA DI PIÙ CHE UN MEZZO PER IMPORRE IL POTERE DEI MISCREDENTI SUI TERRITORI DEI MUSULMANI. E QUANDO MAI I MISCREDENTI HANNO RESO GIUSTIZIA AI CREDENTI?

“Né i giudei né i nazareni saranno mai soddisfatti di te, finché non seguirai la loro religione. Di’: ‘È la Guida di Allah, la vera Guida’. E se acconsentirai ai loro desideri dopo che hai avuto la conoscenza, non troverai né patrono né soccorritore contro Allah” (Corano 2, 120).

NON C’È SOLUZIONE PER IL PROBLEMA PALESTINESE SE NON IL JIHAD. Quanto alle iniziative e conferenze internazionali, sono perdite di tempo e giochi da bambini. Il popolo palestinese è troppo nobile per mettere il suo futuro, i suoi diritti, e il suo destino nelle mani della vanità. Come afferma un nobile hadith: “Il popolo della Siria è la frusta di Allah sulla Terra. Con loro si prende la sua rivincita su chi vuole. Ai loro ipocriti è vietato regnare sui loro credenti, e muoiono nell’ansia e nel rimorso” (riferito da al-Tabarani, come rintracciabile attraverso una catena di fonti fino al Profeta, e da Ahmad, la cui catena di trasmissione è incompleta. Ma deve trattarsi di un vero hadith, perché queste storie sono credibili, e Allah è veridico).”

 

Il Mufti' di Gerusalemme passa in rassegna le truppe SS

Il Mufti’ di Gerusalemme passa in rassegna le truppe SS

 

AGGIUNGO PER DOVERE DI CRONACA CHE SECONDO IL MEMRI, I MASSIMI LEADER DI HAMĀS SONO PROMOTORI DELLA NEGAZIONE DELL’OLOCAUSTO. ABD AL-AZĪZ AL-RANTĪSĪ – CO-FONDATORE DI HAMAS ASSIEME AD AHMAD YASIN – IN UN ARTICOLO SU AL-RISALA (PUBBLICAZIONE SETTIMANALE DI HAMAS) HA DEFINITO LA SHOAH “IL FALSO OLOCAUSTO” E “LA PIÙ GRANDE DELLE MENZOGNE”, ED AFFERMATO CHE L’OLOCAUSTO NON È MAI AVVENUTO, CHE I SIONISTI ERANO DIETRO LE AZIONI DEI NAZISTI E CHE IL SIONISMO FINANZIÒ IL NAZISMO. IN QUESTO ARTICOLO RANTISSI HA ALTRESÌ NEGATO L’ESISTENZA DELLE CAMERE A GAS NONCHÉ ESPRESSO SOSTEGNO AI NEGAZIONISTI ROGER GARAUDY, DAVID IRVING, GERD HONSIK E FREDRICK TÖBEN; HA INOLTRE AFFERMATO CHE “I NAZISTI RICEVETTERO NOTEVOLI AIUTI FINANZIARI DALLE BANCHE E DAI MONOPOLI SIONISTI, E CIÒ CONTRIBUÌ ALLA LORO ASCESA AL POTERE”; HA INFINE ACCUSATO LA INVESTMENT BANK BERLINESE MENDELSSOHN & CO., DI PROPRIETÀ EBRAICA, DI AVER FINANZIATO I NAZISTI, DEFINENDOLA “BANCA SIONISTA”.

 

Il Mufti' di Gerusalemme a colloquio con il suo caro amico Hitler

Il Mufti’ di Gerusalemme a colloquio con il suo caro amico Hitler

 

E ora arriviamo alla conferma che ciò che hanno asserito poco sopra le autorità arabe “palestinesi” e non (quindi dopo la negazione dell’Olocausto addirittura la negazione di se stessi!!!) cioè a quella verità sconcertante che si può riassumere così’:

NON C’È MAI STATO UN POPOLO PALESTINESE, O ARABO, O SE VOLETE ALIENO, CHE ABITASSE QUELLA TERRA PRIMA DELL’ARRIVO DEGLI EBREI!!!

Sconcertante vero? Eppure non sono impazzito e se continuerete a leggere capirete il perché di quest’affermazione che ai più apparirà come minimo azzardata.

BADATE BENE CHE CAPIRE BENE QUESTO PUNTO È FONDAMENTALE PER UNA CORRETTA COMPRENSIONE DEL CONFLITTO E DEL PERCHÉ DELLA POSIZIONE ISRAELIANA.

Ebbene, prima dell’immigrazione cosiddetta sionista la Palestina era essenzialmente vuota e arida. NON ESISTE NESSUNA PROVA STORICA DI UN POPOLO PALESTINESE AUTOCTONO CHE L’ABBIA ABITATA, CON UNA PROPRIA CULTURA, LINGUA, IDENTITÀ. IN PALESTINA C’ERANO SOLO EBREI E QUALCHE ARABO CHE SI CONSIDERAVA SIRIANO, PIÙ I DRUSI E I BEDUINI.

Nei 12 secoli e mezzo che intercorrono fra la conquista araba (del 600 d.C.) e l’inizio del ritorno degli ebrei nel 1880, la Palestina considerato che il suo antico sistema di canali di irrigazione era stato distrutto è sempre rimasta solo ed unicamente un desolato deserto.

Sotto il dominio dei turchi ottomani, il governo aveva oltretutto imposto anche una tassa per ogni albero e il risultato era stato il completo disboscamento del paese.

Questo, badate bene, non sono io a dirlo, ma una serie di testimonianze scritte dei secoli XVI, XVII°, XVIII° e XIX° da diversi viaggiatori cristiani e non, quali:

Siebald Rieter e Johann Tucker, Arnold Van Harff e Padre Michael Nuad, Martin Kabatnik e Felix Fabri, il Conte Constantine Francois Volney ed Alphonse de Lamartine, Mark Twain e Sir George Gawler, HB Tristam, Samuel Manning, Sir George Adam Smith ed Edward Robinson e con loro molti, molti altri, che non sto ad elencare, I QUALI DESCRISSERO LA PALESTINA COME ESSENZIALMENTE VUOTA, FATTA ECCEZIONE PER LE COMUNITÀ EBRAICHE PERMANENTI DI GERUSALEMME, SAFED, SHECHEM, HEBRON, GAZA, RAMLEH, ACCO, SIDONE, TIRO, HAIFA, IRSUF, CESAREA ED EL ARISH, E IN TUTTE LE CITTÀ ESISTENTI DELLA GALILEA: KFAR ALMA, EIN ZEITIM, BIRIA, PEKIIN, KFAR HANANIA, KFAR KANA AND KFAR YASSIF.

Hanno preso tutti fischi per fiaschi? Improbabile direi.

È POI ALTRETTANTO IMPORTANTE SOTTOLINEARE IL FATTO CHE, MENTRE I RACCONTI DI UNA PALESTINA DISABITATA ABBONDANO, NON ESISTONO RESOCONTI CHE AFFERMINO IL CONTRARIO. NON C’È UNA SOLA TESTIMONIANZA SCRITTA DELL’EPOCA CHE DIMOSTRI UNA PRESENZA ARABA SIGNIFICATIVA IN PALESTINA, O CHE MENZIONI UN ‘POPOLO PALESTINESE’ RESIDENTE.

Come dimostrato dallo studio demografico di Justin McCarthy, (‘La popolazione della Palestina’) e dal libro-ricerca di Joan Peters (‘From Time Immemorial’) ed altri, la popolazione araba dell’area registrò un enorme sviluppo SOLO IN CONTEMPORANEA AL RITORNO DEGLI EBREI IN PALESTINA.

Tra il 1514 e il 1850, la popolazione araba di questa regione era rimasta più o meno stazionaria, circa 340.000 abitanti. Essa cominciò improvvisamente ad aumentare dopo il 1855.

Ad esempio, gli egiziani guidati da Ibrahim Pasha giunsero in massa nell’800, cacciando letteralmente gli unici (oltre agli ebrei) che davvero vivevano in Palestina ‘da tempo immemorabile’, cioè i Drusi. Moltissimi arabi vennero in Palestina dalla Siria, dalla regione di Hauran. SOLTANTO NEL 1831, BEN 6.000 EGIZIANI SI STABILIRONO AD ACCO (CITTÀ CHE OGGI DICHIARANO ESSERE ARABA DA MILLENNI!).

Secondo il rapporto ‘British Palestine Exploration Fund’ del 1893, gli egiziani avevano da poco ripopolato anche Jaffa, diventandone la maggioranza. L’immigrazione araba continuò poi ad aumentare durante la prima Guerra Mondiale a mano a mano che l’Impero Turco Ottomano in difficoltà allentava la presa su quei territori.( Ricordiamo che gli Ottomani erano alleati del Kaiser sin dal 1898, quando Guglielmo II fu addirittura invitato a Gerusalemme, a cui erano poi seguiti i viaggi degli uomini d’affari tedeschi che, tra le altre cose , avevano promosso la ferrovia Istanbul Baghdad.) Dai dati del censimento del 1922, la popolazione araba era quasi raddoppiata arrivando a 589.177, fra cui 62.500 beduini.

Il seguente censimento britannico del 1931 (spesso citato da fonti anti-sioniste) mostra la popolazione araba a 759.700 unità residenti, compresi i beduini, accanto ad una popolazione ebraica di circa la metà. IL PUNTO IMPORTANTISSIMO CHE PERÒ VIENE OMESSO DAL CENSO È IL FATTO CHE LA MAGGIOR PARTE DI QUESTI ARABI ERANO ARRIVATI IN PALESTINA DA NON PIÙ DI 60 ANNI.

Gli inglesi tentarono di spiegare questo improvviso aumento di popolazione attribuendolo all’incremento naturale del nucleo arabo pre-esistente. Il punto è che la crescita demografica naturale non avrebbe mai potuto sostenere un simile aumento, come vedremo fra poco. Quindi l’unica spiegazione possibile è che molti arabi siano immigrati in Palestina illegalmente.

Cito una testimonianza da parte araba a conferma di questa immigrazione:

TEWFIK BEY EL HURANI, GOVERNATORE DEL DISTRETTO SIRIANO DI HAURAN, AMMISE NEL 1934 CHE IN UN PERIODO DI SOLI POCHI MESI (DALL’APRILE DEL 1934 AL NOVEMBRE 1935 ) OLTRE 30.000 SIRIANI SI ERANO SPOSTATI IN PALESTINA. IN TOTALE, SECONDO AVNERI, TRA IL 1931 E IL 1947 ENTRARONO IN PALESTINA FRA I 35.000 E I 40.000 IMMIGRATI ILLEGALI ARABI, OLTRE AI 20.000 GIUNTI REGOLARMENTE.

Il censimento successivo, quello del 1948, venne fatto in seguito ad un periodo di crescita economica senza precedenti e di continua immigrazione illegale araba. I siriani e i libanesi potevano entrare liberamente con soltanto dei ‘pass’ di confine, ed entrarono insieme ad immigranti da Somalia, Transgiordania, Persia, India, Etiopia e la regione di Hejaz.

LE LEGGI DELL’INGHILTERRA MANDATARIA RACCOMANDAVANO UNA SUPERVISIONE ALL’IMMIGRAZIONE, MA RACCOMANDAVA ESPLICITAMENTE DI CONCENTRARSI SOLO SU QUELLA EBRAICA. QUINDI, DI FATTO, I CONFINI DELLA PALESTINA RIMASERO APERTI A TUTTI (TRANNE CHE AGLI EBREI).

Questa crescita abnorme nella popolazione araba divenne ben presto evidente. Il governo inglese era molto più preoccupato a monitorare il numero di ebrei che quello di arabi, ma dato che l’immigrazione era comunque sotto la responsabilità del governo inglese, quest’ultimo tentò di spiegare l’aumento di popolazione araba con qualunque motivazione atta a scagionare la Corona dall’accusa di negligenza. Cioè, con qualunque motivazione diversa dall’immigrazione illegale.

Ecco come il governo inglese definì le cause dell’aumento di popolazione araba. Cito testualmente:

“UNA COMBINAZIONE DI CIRCOSTANZE UNICHE NELLA STORIA.”

Per gli ebrei, “un tasso insolitamente alto (benché non senza precedenti) di immigrazione” e per gli Arabi, vale a dire, i musulmani, “un tasso elevato a livelli abnormi (ed, è possibile, senza precedenti) di crescita naturale nella popolazione esistente indigena”.

Gli inglesi affermarono ancora:

“Non si possono fare stime accurate circa il numero di Arabi che sono entrati in Palestina da terre arabe limitrofe …, ma si può riconoscere che i nove decimi circa della crescita è stata dovuta all’incremento naturale, ed è stata una crescita di oltre il 50% in 17 anni. Si tratta di cifre notevoli, specialmente in considerazione della credenza generale che la popolazione in Palestina sotto il regime ottomano era rimasta più o meno stazionaria”.

QUESTE DICHIARAZIONI SONO DIVENTATE UNO DEI CAVALLI DI BATTAGLIA DELLA CAUSA PALESTINESE. BASANDOSI SU QUESTE DICHIARAZIONI, SI VUOLE DIMOSTRARE CHE LA MAGGIORANZA ARABA IN PALESTINA AGLI INIZI DEL ‘900 INDICASSE L’ESISTENZA DI UN POPOLO PALESTINESE AUTOCTONO, O COMUNQUE DESSE AGLI ARABI UN MAGGIORE DIRITTO SU QUELLA TERRA. TUTTAVIA, UNA PRIMA SMENTITA VIENE PROPRIO DALLE FONTI INGLESI, CHE SI AUTO-DEFINISCONO INACCURATE

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQ6SKBEGkXvQU9CozWxwlh0qTlZl0AXfXT6l_zgx8aF-bmfrxsg

 

 

Ad esempio, il Dipartimento inglese per l’Immigrazione riconobbe piuttosto candidamente che i ‘registri’ relativi all’immigrazione non ebraica da paesi limitrofi come Siria e Libano erano ‘incompleti’; e che le incompletezze erano comunque ‘di impatto non rilevante’ dato che, come specificato nel rapporto, le registrazioni del Dipartimento avevano lo scopo di controllare solo ‘l’immigrazione ebraica in Palestina, secondo la capacità del Paese di assorbire immigrati’. Il rapporto assicurava infatti: “da questo punto di vista, le statistiche possono considerarsi ad un alto livello di accuratezza”.

Troviamo dunque che il sistema britannico per il controllo dell’immigrazione non teneva nemmeno in seria considerazione l’immigrazione araba in Palestina. Le descrizioni della ‘politica mandataria’ presupponevano che soltanto l’immigrazione ebraica andasse monitorata. Tuttavia, il governo britannico si trovò ad un certo punto a dover ammettere vagamente questa ‘immigrazione illegale araba’, proprio a causa della sua portata massiccia:

“Oltre a questo aumento di immigrazione registrata, sappiamo che un numero di persone entrano in Palestina illegalmente sia da paesi europei che adiacenti, per stabilirvisi in modo permanente” .[38]

Questo fenomeno però fu sempre minimizzato e definito ‘casuale’, e mai introdotto come un fattore determinante nel conteggio della popolazione nella porzione di Palestina che il Mandato aveva destinato agli ebrei.

IL RAPPORTO HOPE-SIMPSON DEL 1930 AD ESEMPIO ARRIVÒ A CONTRADDIRSI APERTAMENTE. Mentre da un lato affermava che gli ebrei aumentavano grazie all’immigrazione (mentre gli arabi aumentavano grazie alla crescita naturale) in altre parti le pagine parlano di “una ‘considerevole’ immigrazione (illegale) araba in atto senza restrizioni, e proveniente da paesi quali la Siria, l’Egitto, la Transgiordania e il Libano, fra altri”!!!

La maggior parte delle ammissioni del governo inglese di un’immigrazione illegale araba furono in qualche modo ‘camuffate’ dall’etichetta oscura e mai specificata di ‘immigrazione illegale non registrata’, o estesa approssimativamente ad ‘ebrei, arabi ed altri’ in modo generico. Ogni volta che l’immigrazione araba veniva alla luce (perché non poteva essere altrimenti), il rapporto aggiungeva invariabilmente che quel volume di immigrazione ‘must be insignificant’ (‘deve essere insignificante’) .

Pur continuando a dichiarare i nuovi immigrati illegali arabi come ‘popolazione indigena palestinese radicata nel Paese’, gli inglesi spiegarono che erano gli ebrei ad aver invaso il paese oltre la sua ‘capacità di assorbimento’ rubando spazio agli arabi. IL RAPPORTO GIUNSE ALLA CONCLUSIONE CHE GLI ARABI VENIVANO ‘SRADICATI’ DAGLI EBREI, BENCHÉ NELLE SUE STESSE PAGINE ESSO AMMETTESSE UN ‘INCONTROLLATO AFFLUSSO DI EMIGRANTI ARABI ILLEGALI DALL’EGITTO, DALLA TRANSGIORDANIA E DALLA SIRIA” . Parlando inequivocabilmente di ‘forza lavoro non-ebraica’, il Rapporto affermava che:

“L’ufficiale in capo per l’immigrazione ha fatto notare che l’immigrazione illegale attraverso la Siria e la frontiera settentrionale della Palestina è reale”.

Inoltre, il Rapporto parla del “caso dello ‘pseudo-viaggiatore’ il quale, entrato con un permesso a tempo limitato, ‘continua’ la permanenza in Palestina dopo che il periodo di permesso è scaduto” e la definisce una “pratica comune” al punto da rappresentare una “ingiustizia verso gli ebrei”.

 

Islamisti di Hizbollah

Islamisti di Hizbollah

 

Benché l’immigrazione ebraica fosse meticolosamente registrata, analizzata nel dettaglio e perfino stimata in anticipo deducendola dalle cifre imposte a priori dal governo inglese, ogni riferimento all’immigrazione illegale araba fu presentato in modo perlomeno ambiguo. Quasi senza eccezione, questa questione fu trascurata, negata oppure oscurata dall’attenzione preponderante sull’immigrazione ebraica, considerata come la ‘questione primaria’.

Ad esempio, il rapporto di un ufficiale arabo indica in modo inequivocabile che dalla primavera all’estate del 1934, da una delle tante aree arabe (al di fuori della Palestina) colpite dalla depressione e dalla povertà: “Entrarono e si stabilirono in Palestina più arabi del numero totale di ebrei che, nel doppio di quel periodo di tempo nel 1934, erano stati ‘autorizzati’ ad emigrare nel loro designato ‘focolare ebraico’. “

QUESTO SIGNIFICA CHE IN TRE/QUATTRO MESI, DA UNA SOLA LOCALITÀ ARABA, ENTRAVANO IN PALESTINA PIÙ ARABI ILLEGALI DI TUTTI GLI EBREI AUTORIZZATI IN SEI MESI. E CHE, ALL’IMMIGRAZIONE DA QUESTA LOCALITÀ, ANDAVA SOMMATA QUELLA DI TUTTE LE ALTRE AREE ARABE NON PALESTINESI.

NONOSTANTE QUESTO, IL RAPPORTO UFFICIALE BRITANNICO PER L’IMMIGRAZIONE IN PALESTINA RELATIVO A TUTTO L’ANNO 1934 RIPORTA UNA ‘IMMIGRAZIONE REGISTRATA’ DI SOLI 1.784 ‘NON EBREI’, CON SOLTANTO 3.000 “VIAGGIATORI RIMASTI ILLEGALMENTE”, E QUESTE CIFRE DOVREBBERO RAPPRESENTARE TUTTI GLI IMMIGRATI ARABI PROVENIENTI DA TUTTI GLI STATI LIMITROFI ALLA PALESTINA!

 

https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTTyzwRWulCjx7j-RGjk6rtZyYTZqBmqmrlGvWIDslN8JO6lLax

 

 

Ironicamente, sono proprio le stesse cifre fornite dagli inglesi a contraddire in vari modi la loro teoria della crescita naturale. Secondo i dati ufficiali del censo dell’Impero Ottomano turco del 1882, in tutta la Palestina erano presenti soltanto 141.000 musulmani, sia arabi che non-arabi. Questo numero subì un’impennata vertiginosa arrivando a 650.000 arabi nel 1922, cioè un incremento del 450% in soli 40 anni. Nel 1938 quel numero sarebbe diventato oltre 1 milione, per un incredibile incremento dell’ 800% in soli 56 anni.

Secondo gli inglesi (e poi, gli arabi) l’enorme crescita del loro numero fu dovuto alle nascite naturali. Nel 1944 ad esempio, essi dichiararono che la crescita demografica naturale (nascite meno decessi) degli arabi in Palestina sarebbe stata rappresentata dallo sbalorditivo tasso del 33,4 %. Questo dato rappresenta quasi quattro volte il tasso corrispondente per lo stesso anno dell’Egitto, considerato fra i più alti al mondo.

Il tentativo inglese di spiegare questo aumento di popolazione araba come: “un tasso elevato a livelli abnormi (ed, è possibile, senza precedenti) di crescita naturale nella popolazione esistente indigena” non ha dunque fondamento. NEMMENO LA PROSPERITÀ ECONOMICA E I MIGLIORAMENTI NELLA SANITÀ E NELL’IGIENE INTRODOTTI DAI COLONI EBREI AVREBBERO MAI POTUTO GIUSTIFICARE UN AUMENTO SIMILE, CHE NON SI RISCONTRA IN NESSUNA POPOLAZIONE AL MONDO DI NESSUNA EPOCA STORICA.

Il 18 marzo 2008 ANSA ha divulgato un articolo nel quale il presidente egiziano Mubarak lanciò l’allarme demografico nel suo paese. “La crescita demografica “inghiotte tutti i profitti della crescita economica”, disse Mubarak, citato dal quotidiano governativo al Ahram”.

L’articolo ci informava che in Egitto si registrava “un neonato ogni 23 secondi”. “Il Paese, con circa 80 milioni di cittadini alla fine del 2007, era il più popoloso del mondo arabo. Il 32 % della popolazione aveva meno di 15 anni ed era raddoppiata negli ultimi trent’anni”. Il tasso di crescita responsabile di questo aumento vertiginoso “era stato del 7,5 % nei primi sei mesi dell’anno fiscale 2007-2008”.

Nell’articolo ‘Proiezioni di Crescita Demografica’ (A cura de Il Pensiero Scientifico Editore – 25/10/2005) si afferma che: “Negli ultimi 45 anni, la popolazione asiatica è cresciuta del 129 %, da 1,7 a 3,9 miliardi; le proiezioni per i prossimi 45 anni indicano una crescita più modesta, con un aumento previsto del 33%, per arrivare a 5,2 miliardi di persone nel 2050. Per l’America Latina le proiezioni prevedono una crescita demografica del 39 %, da 0,56 a 0,78 miliardi. Ma in Africa la situazione è in netta controtendenza: le proiezioni di crescita della popolazione parlano di un + 100 % nei prossimi 45 anni (1,69 miliardi di persone nel 2050)”.

E’ CHIARO QUINDI CHE SE UN AUMENTO DEL 7,5% È SUFFICIENTE A FAR SCATTARE L’ALLARME IN UN PAESE COME L’EGITTO, O UNA CRESCITA DEL 129% IN 45 ANNI VIENE RIPORTATA COME LA PIÙ ALTA AL MONDO, TASSI COME L’800% IN 56 ANNI O IL 33,4% SONO QUANTOMENO INVEROSIMILI !!!

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRIqlT-sOm0Egf2mmdJlagEYplEsype4XaLJ88GRMzD2a65fykE

 

Ad ogni buon conto ricordiamo che fu lo stesso Winston Churchill in persona il primo a dover ammettere la verità sulla crescita demografica araba in Palestina.

Nel 1939, infatti, Churchill finalmente affermò:

“TUTT’ALTRO CHE PERSEGUITATI, GLI ARABI SI SONO AFFOLLATI NEL PAESE E MOLTIPLICATI FINO A CHE LA LORO POPOLAZIONE È CRESCIUTA PIÙ DI QUANTO TUTTI GLI EBREI DEL MONDO POTREBBERO RISOLLEVARE LA POPOLAZIONE EBRAICA”.

Il riconoscimento di Churchill della massiccia immigrazione araba in Palestina fu confermato da molti, fra cui il governatore britannico del Sinai per il periodo 1922-1936, il quale ammise che:

“Questa immigrazione illegale non stava avvenendo soltanto dal Sinai, ma anche dalla Transgiordania e dalla Siria ed è molto difficile trovare una soluzione alla miseria degli arabi se al tempo stesso non si è riusciti ad impedire che i loro compatrioti provenienti dagli stati limitrofi entrassero a condividere quella miseria”. (C.S. Jarvis, “Palestine,” United Empire (Londra), 28 (1937): 633)

SECONDO IL RAPPORTO ALLA LEGA DELLE NAZIONI PRESENTATO DAL GOVERNO BRITANNICO NEL 1937, IL NUMERO DI ARABI IN PALESTINA ERA QUINDI SALITO ALLE STELLE TUTTAVIA, QUESTA PROVA CRUCIALE ED EVIDENTE FU TRASCURATA, NON RICONOSCIUTA E SOPRATTUTTO MAI INTRODOTTA NELL’EQUAZIONE POLITICA DELLA PALESTINA.

Al di là del numero in sé, dobbiamo tenere a mente che questi arabi musulmani erano immigrati giunti da Algeria, Damasco, Yemen, Afganistan, Persia, India, Tripoli, Marocco, Turchia e Iraq. Nessuno di loro era nativo della Palestina. TUTTAVIA, I LORO DISCENDENTI SONO QUELLI CHE OGGI SI DICHIARANO ‘PALESTINESI’.

Consideriamo comunque che se anche il numero di arabi indigeni fosse stato effettivamente maggiore di quello degli ebrei (e così non è, ma ammettiamo per assurdo che questa sia la verità) non dimentichiamoci che nel 1920 il 77% DELLA PALESTINA FU CONSEGNATO AGLI ARABI CON IL NOME DI TRANSGIORDANIA (O GIORDANIA) !!

LA ‘PALESTINA’ DI CUI PARLIAMO OGGI RAPPRESENTA IL 23% DELLA PALESTINA ORIGINARIA, DI CUI UN TERZO FINITA SOTTO L’OCCUPAZIONE GIORDANA (E TRASFORMATA IN ‘WEST BANK’) O CEDUTA DA ISRAELE ALLE ORGANIZZAZIONE TERRORISTICHE (STRISCIA DI GAZA) IN CAMBIO DI UNA PACE MAI ARRIVATA.

MA SE IL POPOLO PALESTINESE ALLORA NON ESISTE DA DOVE ARRIVANO ALLORA I MITI DEI ‘PALESTINESI’ ABITANTI DELLA PALESTINA E DERUBATI DA ISRAELE DELLA LORO TERRA??

 

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTOvKDwPVuCkknQA80qjzif3b9oIWPJP3AAolhU9uNMBw_XCNLk

 

 

Ecco da dove. Dopo due eclatanti sconfitte militari, gli arabi sembrano decidere di cambiare strategia e spostare il conflitto su un piano più ideologico che militare. La loro nuova strategia si rivelerà efficacissima.

NEL 1968 (A MAGGIO) ARAFAT, LEADER DI FATAH, DIVENTA CAPO DELL’OLP, E POCO DOPO DÀ UFFICIALMENTE ALLA LUCE LA SUA IDEA PIÙ GENIALE E MICIDIALE CONTRO ISRAELE: IL ‘NAZIONALISMO PALESTINESE’. Il più delle volte il Consiglio di Sicurezza, quando chiama in causa Israele, formula anche contemporaneamente precise richieste alle controparti arabe, e ciò per la ovvia considerazione che la pace in Medio Oriente non può essere fatta da una parte soltanto. Ma questo è appunto ciò che gli autori del documento non vogliono capire (o farci capire).

Non basta. Gli autori non omettono solo pezzi di risoluzione. Omettono anche intere risoluzioni. Ad esempio, per restare nel 2002, non viene citata la 1397. Come mai? Forse perché esprimeva “grave preoccupazione […] per i recenti attentati”, chiedeva “l’immediata cessazione di tutti gli atti di violenza, terrorismo, provocazione, istigazione” ed esortava “le parti israeliana e palestinese e i loro dirigenti a cooperare nella realizzazione del piano Tenet e del Rapporto Mitchell, allo scopo di riavviare i negoziati per una composizione politica”: tutte cose che la parte palestinese, non quella israeliana, si è rifiutata di fare.

Vistosa, poi, l’assenza di una delle più importanti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza di tutta la storia del conflitto: la 242 del 1967. Di nuovo, come mai? Forse perché chiedeva (agli arabi, ovviamente) la “fine di ogni stato di belligeranza” e il “riconoscimento del diritto [di Israele] di vivere in pace entro confini sicuri e riconosciuti, libero da minacce o atti di forza”?

Della 425 (1978) si dice che “ingiungeva a Israele di ritirare le sue forze dal Libano”. Ma non si ricorda che chiedeva anche il ripristino della pace al confine israelo-libanese e un “rigoroso rispetto della integrità territoriale, sovranità e indipendenza politica del Libano”, tutte cose che truppe siriane, milizie palestinesi, agenti iraniani e terroristi Hezbollah non si sognano minimamente di fare. Né viene riportata la Dichiarazione del 18 giugno 2000 con cui il Consiglio di Sicurezza certificava che “Israele ha ritirato le sue forze dal Libano in conformità con la risoluzione 425″.

Ancora più curioso il fatto che l’elenco delle risoluzioni viene fatto iniziare con la n. 93 del 18 maggio 1951. Eppure il conflitto arabo-israeliano scoppia almeno tre anni e mezzo prima, con il rifiuto arabo della risoluzione di spartizione 181 dell’Assemblea Generale dell’Onu (29.11.47) e l’attacco degli eserciti arabi a Israele. Prima della 93 (1951) a noi risultano non meno di 21 risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, tra cui quelle – ufficialmente respinte dai governi arabi – che chiedevano il cessate il fuoco e il rispetto della 181.

Non manca, invece, la risoluzione 487 del 19 giugno 1981: quella che condannava “con forza” la distruzione del reattore nucleare iracheno di Osirak da parte dell’aviazione israeliana. Una risoluzione che, riletta oggi, basta da sola a screditare l’Onu agli occhi degli israeliani e di chiunque abbia a cuore la pace e la stabilità internazionali.

 

https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSIyKN-y7roZrnttoy9UJ45TcsdoKT_JbXjmSpiBq-igAPlV0E4

 

Resta da fare un’ultima considerazione, di carattere storico-politico. Tutti sanno che i paesi arabi, ripetutamente sconfitti in campo aperto, hanno fatto costantemente ricorso al terrorismo (dai feddayin degli anni ’50 fino agli Hezbollah degli anni ’80 e ’90) per esercitare una continua pressione militare ai confini e all’interno dello Stato di Israele. L’hanno fatto organizzando, finanziando, addestrando, capeggiando varie formazioni “guerrigliere” palestinesi, nella consapevolezza che l’Onu avrebbe dovuto per forza condannare le “violazioni” delle linee d’armistizio fatte da uno Stato (Israele), ma non avrebbe mai potuto condannare allo stesso modo le “violazioni” (infiltrazioni, attentati, stragi di civili) fatte da formazioni irregolari (i terroristi) che provocavano la reazione d’Israele. Un trucco palese, persino dichiarato, che non inganna più nessuno. Salvo i “volonterosi” autori del documento e i loro sfortunati lettori.

Nota 6

Quando Hitler prese il potere nel 1933, telegrammi di congratulazioni furono inviati dalle capitali arabe. Nel 1937, il ministro nazista della propaganda, Joseph Goebbles, elogiò la “coscienza nazionale e razziale araba”, notando che “le bandiere naziste sventolano in Palestina, dove le case sono adornate da svastiche e ritratti di Hitler”. Nel 1943, Heinrich Himmler, il capo delle SS, parlò della “naturale alleanza che esiste fra il nazional-socialismo della Grande Germania e i musulmani amanti della libertà in tutto il mondo”. Partiti filo-tedeschi e movimenti giovanili “intonati” con gli ornamenti del nazional-socialismo vennero alla luce in Siria, Marocco, Tunisia ed Egitto. Perfino gli slogan nazisti venivano tradotti in arabo. Una canzone mediorientale diffusa verso la fine degli anni ’30 dice: “niente più ‘monsieur’, niente più ‘mister’, in paradiso Allah, sulla terra Hitler”. Il Fuhrer stesso fu perfino islamizzato sotto il nuovo nome di Abu Ali. Fra i molti simpatizzanti nazisti del periodo ricordiamo Haj Amin al-Husseini (Gran Muftì di Gerusalemme), Ahmed Shukairi (primo presidente dell’O.L.P), Gamal Abdel Nasser e Anwar Sadat (entrambi futuri presidenti dell’Egitto), i capi dei fondamentalisti islamici, e i fondatori del partito socialista arabo “Ba’ath”, che al momento governa in Siria ed Iraq. A questo proposito annoto anche che un leader del partito “Ba’ath” raccontò orgogliosamente: “eravamo razzisti, ammiravamo il nazismo, leggevamo i loro libri e le fonti del loro pensiero. Siamo stati i primi a tradurre ‘Mein Kampf’”. La glorificazione di Hitler fra gli arabi comunque non svanì dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1965, un cronista marocchino scrisse sulla rivista francese “Les Temps Modernes”: “Il mito di Hitler è stato coltivato dal popolo arabo. Lo sterminio di ebrei compiuto da Hitler viene elogiato. Si crede perfino che Hitler non sia morto. Tutti sperano nel suo ritorno”. Nel 2001, un giornalista egiziano scrisse sul giornale finanziato dal governo “Al Akhbar”: “Grazie Hitler, sia benedetta la tua memoria, perché hai vendicato con anticipo i palestinesi per il più ignobile crimine mai commesso al mondo”. Due mesi dopo l’agenzia di stampa egiziana conferì a questo giornalista la sua più importante onorificenza.

ADESSO PERÒ GLI ARABI ACCUSANO GLI EBREI DI ESSERE NAZISTI!!!.

IN QUESTO MODO, I FEDELI AMMIRATORI DI HITLER STANNO EQUIPARANDO LE PRINCIPALI VITTIME DEL SUO GENOCIDIO CON I CARNEFICI NAZISTI.

Nota 7:

Il quotidiano del Cairo “Akhbar el-yom”, il 12 Ottobre 1963 ricordava: “Venne il 15 Maggio 1948 quello stesso giorno il Mufti di Gerusalemme [leader imposto agli Arabi dagli Inglesi] fece appello agli Arabi di Palestina affinchè abbandonassero il Paese, in quanto gli eserciti Arabi stavano per entrare al loro posto”.

Il 6 Settembre 1948 il “Beirut Telegraph” intervistava Emile Ghoury, segretario del Comando Supremo Arabo: “Se esistono questi profughi, è conseguenza diretta dell azione degli stati arabi contro la partizione, e contro lo stato ebraico” .

Il 19 Febbraio 1949 il quotidiano giordano “Filistin” scriveva: “Gli stati arabi che avevano incoraggiato gli Arabi di Palestina a lasciare le proprie case temporaneamente per sgomberare il terreno dell’offensiva araba, non hanno poi mantenuta la promessa di aiutare quei profughi.”

Da un rapporto della Polizia Britannica al Quartier Generale di Gerusalemme il 26 Aprile 1948:

“Ogni sforzo è compiuto da parte degli Ebrei per convincere a popolazione araba a rimanere e a condurre insieme a loro una vita normale è risultato vano”.

“A Haifa il 27 aprile 1948 il Comitato Nazionale Arabo rifiutò di firmare una tregua, e né informò i governi della Lega Araba. Quando la delegazione entrò nella sala delle riunioni, rifiutò con fierezza di firmare la tregua, e chiese che si facilitassero l’evacuazione della popolazione araba, e il suo trasferimento nei paesi arabi circostanti. Le autorità militari e civili e i vari esponenti ebraici espressero il loro profondo rincrescimento. Il Sindaco di Haifa, Shabtai Levi, aggiornò l’incontro con un appello alla popolazione araba affinché riconsiderasse la sua decisione.”

Testo del manifesto in arabo e in ebraico affisso il 28 aprile 1948 dal Consiglio Ebraico dei Lavoratori di Haifa, rivolto ai cittadini arabi, ai lavoratori, alle autorità:

“Da tanti anni viviamo insieme nella nostra città, Haifa. In sicurezza, e in fratellanza e comprensione reciproche. Grazie a ciò, la nostra città è fiorita, e si è sviluppata per il bene dei residenti, sia arabi, sia ebrei.

Così Haifa è stata di esempio per altre città della Palestina. Elementi ostili non sono riusciti a adeguarsi a questa situazione, e hanno dato origine a scontri, minando le relazioni fra voi e noi. Ma la mano della Giustizia è più forte. La nostra città ora è sgombra di questi elementi, che sono fuggiti temendo per la propria vita. Così, una volta di più, l’ordine e la sicurezza hanno il sopravvento nella città. La strada è aperta per la ripresa della cooperazione e della fratellanza fra i lavoratori ebrei e arabi.

“A questo punto riteniamo necessario chiarire nei termini più franchi: siamo persone amanti della Pace! Non c’è ragione per la paura che altri cercano d’instillare in voi. Non c’è odio nei nostri cuori, né astio nel nostro atteggiamento verso cittadini amanti della Pace che, come noi, sono impegnati nel lavoro, e nello sforzo di creare.

“Non temete! Non distruggete le vostre case con le vostre stesse mani! Non troncate le vostre fonti di vita. Non attirate su di voi, con le vostre mani, la tragedia, mediante un evacuazione non necessaria, mediante fardelli da voi stessi creati. Trasferendovi altrove sarete sopraffatti dalla povertà e dall umiliazione. Ma in questa città, vostra e nostra, Haifa, le porte sono aperte alla vita, al lavoro, alla Pace, per voi e per le vostre famiglie.

“Cittadini giusti e amanti della Pace “Il Consiglo dei Lavoratori di Haifa e la Confederazione del Lavoro, la Histadruth, vi consigliano, per il vostro bene, di restare nella città, e di tornare al vostro lavoro normale. Siamo pronti a venire in vostro aiuto, a ristabilire condizioni normali, a assistervi nell’approvvigionamento di cibo, e ad aprirvi possibilità di lavoro.

“Lavoratori: la città che abbiamo in comune, haifa, fa appello a voi affinche vi uniate nella sua costruzione, nel suo progresso, nel suo sviluppo; non tradite la vostra citta, e non tradite voi stessi. Seguite il vostro interesse, e seguite il retto sentiero!

“Federazione Ebraica del Lavoro in Palestina Consiglio dei Lavoratori di Haifa”

Nel 2002 su circa 6 milioni di cittadini israeliani, più di un milione sono arabi: sono i figli di quegli arabi che non accolsero gli appelli dei dittatori della Siria, dell’Iraq e dell’Egitto.

I discendenti di quegli arabi che credettero ai dittatori sono a tutt’oggi ancora rinchiusi nei campi profughi e non hanno la cittadinanza del paese in cui sono nati. Soltanto in Israele e in Giordania i discendenti degli arabi provenienti dalla Palestina occidentale non sono nei campi profughi, ma liberi cittadini di uno stato di diritto.

 

(fonte: Istituto Culturale della Comunità Islamica Italiana)

Bibliografia e fonti:

A History of Israel, di John Bright, Terza Edizione – SCM Press Londra 1998

The Israelites, di B.S.J. Isserlin – Ed. Thames & Hudson, Londra 1998

A History of Palestine, di Moshe Gill – Ed. Cambridge University Press, Cambridge – UK 1992

The Jew in Their Land in the Talmudic Age ( 70 – 640 C.E. ), di Gedaliah Alon – Ed. Harvard University Press, Harvard, 1989

To Come to the Land: Immigration and Settlement in Sixteenth-Century Eretz-Israel, di Avraham David – Ed. Cambridge University Press, Cambridge – UK 1992

Bernard Lewis, ‘Semites and Anti-Semites: An Inquiry into Conflict and Prejudice’, (New York: Norton, 1999

Justin McCarthy, ‘La popolazione della Palestina’

Joan Peters, ‘From Time Immemorial’

Il Pensiero Scientifico Editore, ‘Proiezioni di Crescita Demografica’ 25/10/2005

Abba Eban, ABBA EBAN, NY: Random House, 1977

C.S. Jarvis, “Palestine,” United Empire, Londra 1937

N. Garribba, Lo Stato d’Israele, Ed. Riuniti

Giardina, Liverani, Scarcia, La Palestina, Ed. Riuniti

B. Litvinoff, Lunga strada per Gerusalemme, Saggiatore

A. Eban, Storia del popolo ebraico, Mondadori

R. Balbi, Hatikvà. Il ritorno degli ebrei nella terra promessa, Laterza

J. Tsur, Il sionismo, Mursia

R. Segre, Israele e il sionismo, Nuova Milano

M. Rodinson, Israele e il rifiuto arabo, Feltrinelli

Hans Rieter “Das Reisebuch der Familie Rieter” Ed. Reinhold Rohricht und Heinrich Meisner Stuttgart

Mark Twain, “The Innocents Abroad” London, 1881 (New American Library, 1997).

H B Tristram “The LAN of Israel; A Journal of Travels in Palestine, Undertaken with a Special Reference to Its Physical Character”. British Library, Historical Print Editions 2011

Samuel Manning,“Those holy fields : Palestine” London : Religious Tract Society 1890

George Adam Smith “The Historical Geography of the Holy Land” Hodder & Stoughton 1894

Me stesso

Matteo Sommaruga

Istituto D’Aguirre

Emanuela Crespi

Prof. Giovanni De Sio Cesari

Yoav J. Tenembaum

Istituto Culturale della Comunità Islamica Italiana

Avioserata2000

NES n.3, anno 15

In margine a quest’articolo, dobbiamo segnalare alcune inesattezze:

Settembre Nero nasce nel 1970 e non nel 1973 come riportato nell’articolo. 

L’Olp non nasce nel ’67 e tanto meno come conseguenza della guerra dei Sei Giorni. Nasce in realtà nel ’64, quando non c’era nessun “territorio occupato”, con l’unica finalità di lottare contro l’esistenza di Israele. 

Grazie a Barbara che si è accorta delle inesattezze gravi.

5 commenti
  1. Valeria permalink

    Grazie! Un lavoro grandioso!
    Quante cose potrò ancora imparare!

  2. Vedo che nel tuo blog non c’è un indirizzo email; potresti contattarmi tu all’indirizzo che trovi nel mio? Grazie.

  3. alfonso margani permalink

    magnifico!! ma si può scaricare??

  4. Bellissimo articolo! Complimenti a tutti!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: