Skip to content

L’amico ebreo

novembre 24, 2012

Mi sto facendo lentamente la convinzione che esista da qualche parte un gruppo di persone specializzate nell’essere l’amico ebreo di un sacco di gente, e nel pensarla esattamente come loro.

Se avessi visto gente che dice “ho un sacco di amici ebrei e qualcuno mi dà torto”, allora potrei pensare che, essendo l’ebreo statisticamente diffuso nella popolazione, sia possibile che la gente conosca sempre almeno un ebreo.

Invece, tutti questi signori hanno un amico ebreo con le seguenti caratteristiche sistematiche:

1) L’amico ebreo la pensa come te quando pensi male degli ebrei, pardon di Israele.

2) L’amico ebreo non ha un nome. Che so, Giuseppe o Francesco. No, l’amico ebreo non è mai “Il mio amico Giuseppe”. È sempre un generico ed anonimo “amico ebreo”.

3) L’amico ebreo è un drago, è uno figo, nel senso che gode indistintamente della stima di chi ha questo amico. Non si sente mai dire “ho un amico ebreo ed è un po’ pirla”, ma sempre “ho un sacco di amici ebrei che stimo moltissimo”. Questo fa onore al mondo ebraico, ma non è statisticamente possibile che sia anche casuale.

4) L’amico ebreo è l’unico ebreo ad essere benvoluto. Tutti gli altri sono degni di critica, mentre l’amico ebreo no, lui non sbaglia. Si tratta quindi di un amico ebreo fortemente atipico, se non addirittura perfetto, visto che non è mai lui ad essere oggetto di critica, ma sempre e solo tutti gli altri ebrei.

5) Anche se non si dice esplicitamente, è sempre al maschile. Questo non esclude che possa anche essere una donna, tuttavia nessuno parla mai dell’amica ebrea o delle amiche ebree, ma sempre dell’amico ebreo o degli amici ebrei. Insomma, è statisticamente maschio.

6) Sono persone coltissime. Quando ci si riferisce all’amico ebreo, quasi sempre si fa riferimento ad una sua grande cultura.

7) Non si fidanzano mai. Tutti hanno un amico ebreo, o più amici ebrei, ma stranamente nessuno dice mai “ho avuto/ho un fidanzato/a ebrea”. Probabilmente si tratta di una corrente ebraica molto casta.

8) L’amico ebreo passa la giornata a leggere la posta. Nella media, circa 600 metri cubi di carta stampata al giorno in tutto il mondo sono “lettere ad un amico ebreo”. Probabilmente per leggere tale immane mole di scritti usa un metodo simile a quello di Babbo natale, con il quale peraltro condivide la caratteristica 9.

9) L’amico ebreo fa regali. Il 60% di coloro che dicono di avere un amico ebreo sostengono di aver ricevuto almeno un dono, generalmente un libro, da lui. Considerando il fatto che legge lo stesso volume di lettere di Santa Claus, si potrebbe sospettare un qualche legame, tuttavia non ci sono fonti riguardanti amici ebrei di eschimesi come si ci potrebbe aspettare se babbo natale fosse ebreo.

Ora, i casi sono due:

A) Esiste un’organizzazione di persone colte, caste, stimate, critiche, amichevoli, e anonime il cui lavoro consiste nell’essere gli anonimi, casti, stimati, critici ed amichevoli amici ebrei di ogni persona che critica Israele: come tu critichi Israele questa organizzazione ti assegna un “amico ebreo” d’ufficio, a meno che tu non ne abbia uno di fiducia purché iscritto all’ordine.

B) Il cosiddetto amico ebreo a volte si sveglia dicendo “fiat lux” e altre volte crea il mondo in 6 giorni e si riposa il settimo. Questo spiegherebbe come mai sia anonimo, come mai sia così stimato, casto, e specialmente come mai sia così critico verso gli ebrei.

Poiché la seconda ipotesi è troppo metafisica, devo pensare che la risposta giusta sia la “A”, e allora mi chiedo quanto guadagnino questi per fare questo lavoro.

Non poco, spero….

Lev

9 commenti
  1. I tuoi dubbi nascono dal fatto che non lo conosci ché lui non frequenta ebrei o amici di ebrei.
    Bellissimo post.
    ciao

  2. Leonardo permalink

    L’amico ebreo da autorità e credibilità quando si è razzisti senza poterne essere accusati (ha ha),a me pare che tutti i filopalestinesi ne abbiano almeno uno.E’ un lasciapassare per poter dire di tutto e di più tanto il mio amico ebreo è daccordo cob me!
    Sia chiaro comunque che io non sono razzista,ho un amico ebreo ed una volta ho perfino stretto la mano ad un nero!

    Very nice post! Dopo averlo letto è apparso talmente ovvio che mi è parso strano non averci pensato prima!

  3. Israel Di Porto permalink

    Si è vero, è l’unica arma che hanno per aggirare la nostra hasbara!

    Israel Di Porto

  4. Shimon permalink

    L’amico “ebreo” venduto ai goym e nemico di Israele io non lo considererei più ebreo.Sono la rovina del popolo ebraico

  5. Bel post e quanto è vero! per avere un “amico ebreo”, basta non sapere, non informarsi, non studiare, essere ignoranti e qualunquisti e voler passare per illuminati!

  6. Quindi io non potrò mai essere l’amica ebrea di nessuno?😀
    Bellissimo post, complimenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: