Skip to content

Ci provano sempre….

agosto 30, 2012

Lo strumento privilegiato dei detrattori di Israele è la propagazione di affermazioni assurde e prive di fondamento, nella speranza che diventino verità convenzionali. Il 19 agosto, il Toronto Star ha pubblicato una linea editoriale di Thomas Woodley, presidente del movimento canadese anti-Israele, l’ Organizzazione per la  Giustizia e la Pace in Medio Oriente (CJPME), che aveva erroneamente affermato esserci strade per  “soli Ebrei” negli insediamenti in Cisgiordania. Queste affermazioni, palesemente false, hanno l’unico scopo di diffamare Israele con l’accusa di razzismo.

Mentre il signor Woodley ha diritto alle sue opinioni, non ha diritto a manipolare i fatti. Non ci sono strade costruite esclusivamente per gli ebrei. Come The Committee for Accuracy in Middle East Reporting in America sottolinea: “I cittadini arabi di Israele e i cittadini israeliani di qualunque religione o etnia, hanno lo stesso diritto a circolare su queste strade come gli ebrei. Gli arabi israeliani usano frequentemente i sotto-passaggi per affari e per visitare i parenti. “Mentre alcune strade sono vietate ai palestinesi in Cisgiordania per motivi di sicurezza, ci sono anche alcune strade, in zone densamente popolate da arabi, in Israele, che sono sconsigliate agli ebrei per ragioni di sicurezza.

Inoltre, l’affermazione che solo gli ebrei sono autorizzati a risiedere negli insediamenti israeliani, il che significa che ai non ebrei è vietato viverci, non ha giustificazione. Non vi è alcuna legge che impedisca agli arabi con cittadinanza israeliana di vivere ovunque vogliano. Lo stesso vale per i residenti palestinesi di Gerusalemme, con le carte d’identità israeliane, che hanno diritto di vivere ovunque a Gerusalemme.

Turisti palestinesi a Tel Aviv

Potrebbe Mr. Woodley o lo Star fornire alcuna prova a sostegno delle accuse delle strade per  “soli Ebrei”  e per il divieto di vivere negli insediamenti in Cisgiordania? HonestReporting Canada ha girato questa domanda ai redattori di Toronto Star , i quali dopo aver parlato con il signor Woodley del CJPME, hanno modificato e ritrattato questa affermazione. Una nota del redattore è stata anche allegata alla op-ed : “Questo articolo è stato pubblicato da una versione precedente che  riferiva di strade per “soli” ebrei e di insediamenti in Cisgiordania, vietati ai non ebrei”

Ringraziamo il Toronto Star per aver garantito che le opinioni devono poggiare sulla realtà. Siamo anche grati che queste false dichiarazioni formulate per screditare  Israele siano state ritirate dal sito dello Star.

QUI

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: