Skip to content

E i nostri assassini non li commemorate?

luglio 2, 2012

Forse avete saputo che, come ogni anno, le famiglie degli 11 atleti israeliani che furono trucidati alle Olimpiadi di Monaco del ’72, da cinque terroristi palestinesi, chiedono al Comitato Olimpico, come fanno da quarant’anni, un minuto di silenzio in memoria dei loro cari.

Finora  il Comitato Olimpico ha, appunto, rifiutato. Quest’anno la signora Ankie Spitzer, vedova di uno degli atleti uccisi, ha deciso di dare risalto alla richiesta ed ha pubblicato una lettera aperta al Comitato Olimpico che ha fatto il giro del mondo. Ci sono state petizioni, siti internet, pagine facebook che hanno raccolto l’appello. Danny Ayalon, deputato israeliano, si è impegnato personalmente per dare risalto alla richiesta delle famiglie delle vittime. Nonostante le numerose adesioni e le firme raccolte, nonostante la presa di posizione di Pietro Mennea e di altri sportivi americani, Jeremy Hunt, il Segretario di Stato per la Cultura, Media e Sport, ha rifiutato di dare seguito agli appelli del Senato degli Stati Uniti e dei governi australiano, canadese e tedesco per il minuto di silenzio .

Ankie Spitzer, vedova dello schermidore Andrei Spitzer, ha detto di essere stata fino ad oggi riluttante ad accusare direttamente il Comitato Olimpico Internazionale (CIO)  di discriminazione. Ma questa settimana ha dichiarato al Jewish Chronicle: “Ora, lo chiamo con il suo nome: Si tratta di discriminazione. Ci sono stati altri memorials alla cerimonia di apertura, è stato fatto in passato. Due anni fa, prima delle Olimpiadi invernali di Vancouver, l’atleta Nodar Kumaritashvili è morto in un incidente, durante un allenamento. Alla cerimonia di apertura, i membri del Comitato olimpico si alzarono in piedi,  pronunciarono un discorso e inviarono le loro condoglianze. Ed è giusto così. Allora, qual è il problema? È perché quelli di Monaco di Baviera erano israeliani ed ebrei? Posso solo giungere a questa conclusione. ”

Un portavoce del Dipartimento della Cultura, Media e Sport, ha dichiarato: “La decisione se rispettare un minuto di silenzio spetta al CIO.  Jeremy Hunt sarà il rappresentante del governo durante la cerimonia che si terrà presso la Guildhall – una iniziativa congiunta tra l’ambasciata israeliana, il  Comitato Olimpico Nazionale di Israele  e la comunità ebraica. ”

Ma la signora Spitzer ha detto che la sola risposta che aveva avuto da Lord Coe, presidente del Comitato Organizzatore di Londra per i Giochi Olimpici, era stato un invito alla manifestazione commemorativa il 6 agosto, presso il Guildhall. “Questo è il memoriale che stiamo organizzando noi stessi! E ha scritto per dirmi questo?” L’evento Guildhall è una “via d’uscita” per gli organizzatori olimpici. “Significa che l’evento non deve essere nel villaggio olimpico o durante la cerimonia di apertura, in modo da tirarsi fuori dai guai.”

Ankie Spitzer ha anche raccontato che per molti anni, in privato, il CIO aveva ammesso che le nazioni arabe si sarebbero opposte ad un evento commemorativo. … “Credo di essere l’unica sciocca a credere ancora nell’ideale olimpico, ma chi rappresenta le Olimpiadi si piega a queste minacce e intimidazioni. E’ sconvolgente! Intanto il Comitato Olimpico palestinese  ha detto: ‘Beh, ci sono stati anche cinque morti palestinesi  a Monaco di Baviera ‘. E’ possibile? ”

Si’, ormai tutto è possibile Ankie! Il CIO ha paura delle “rappresaglie arabe” in caso accettasse di commemorare con UN MINUTO di silenzio undici sportivi trucidati solo perché ebrei israeliani, e nello stesso tempo il “Comitato Olimpico palestinese” (ma da quando esiste???) puo’ impunemente richiedere la stessa commemorazione per i cinque assassini. Perché? A che titolo? Ma perché erano palestinesi, è ovvio! Del resto per loro è un’abitudine commemorare gli assassini.  E i palestinesi, ricordi?, sono il “popolo martire”!

QUI

Advertisements
2 commenti
  1. wow amazing article, it touches me from within!http://www.sitedabarbie.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: