Skip to content

Ma tu non piangi per la nakba??? L’equilibrio della CBC

giugno 14, 2012

Un governo totalitario è quello che sfrutta il potere politico,  subordinando il singolo allo Stato e reprimendo i suoi dissidenti. Vengono in mente Paesi come l’Iran, Cuba, la Siria, la Cina e la Corea del Nord . Alcune sono teocrazie, altri regimi comunisti, in ogni caso  spietatamente dispotici. Tipicamente, i regimi totalitari tengono sotto stretto controllo la politica, l’economia e il sociale, utilizzando i media controllati dallo Stato, restringono la libertà di parola e di riunione, effettuano detenzioni arbitrarie, e impiegano il terrore per reprimere e costringere la popolazione. Usare questa definizione, ampiamente accettata, per descrivere Israele regime “totalitario” , sarebbe intellettualmente disonesto.  Eppure, è esattamente ciò che lo scrittore e produttore canadese Ken Finkelman crede e dichiara. Meglio conosciuto per la serie televisiva CBC “The Newsroom”, Finkelman è stato intervistato nel programma della CBC di George Stroumboulopoulos,  “Tonight”, durante il quale ha sostenuto  che Israele è un “regime totalitario assoluto (che) controlla tutta la popolazione araba della Cisgiordania, la quale è assolutamente senza diritti . ”

 

QUI l’estratto dell’intervista

Finkelman ha fatto questa affermazione dopo aver espresso il suo sgomento per il fatto che il suo ospite , Strombo, come è affettuosamente chiamato, non indossava un braccialetto “della Palestina”  per piangere  la “Nakba”, termine tradotto dall’arabo con “catastrofe”, il giorno cioè della creazione dello stato di Israele, dopo oltre 2.000 anni di esilio.

Mentre Strombo notava  che Finkelman è un “outsider” nella comunità ebraica, non ha contestato la tesi scandalosa che Israele sia un “regime totalitario”. L’ascoltatore della CBC ne poteva solo concludere che l’affermazione di  Finkelman fosse ragionevole e rendergliene merito.

Mark Twain ha detto: “Una bugia può viaggiare intorno al mondo mentre la verità si sta mettendo le scarpe.”

L’ affermazione di Finkelman non regge  e qui ci sono solo dieci tra i perché:

Israele è l’unica democrazia liberale in Medio Oriente

La protezione che Israele assegna alle libertà civili dei suoi cittadini  ha ottenuto il riconoscimento internazionale della Freedom House, un’organizzazione non governativa che monitora la libertà e la democrazia in 195 paesi di tutto il mondo. Israele è l’unico paese in Medio Oriente ad essere designato come veramente “libero”

La Knesset di Israele (il parlamento) è caratterizzato da un  vivace dibattito, da partiti politici di sinistra, centro e destra. Israele ha anche politici arabi che cercano di minare la legittimità dello stato ebraico

Israele ha una vibrante stampa libera che presenta decine di media indipendenti e centinaia di giornalisti, sia locali che internazionali, che sono molto critici in merito alle questioni  interne e a quelle internazionali

Israele non è un monolite. Gli Israeliani sono continuamente impegnati nel mercato delle idee e contestano liberamente  le politiche del governo

Israele, tutela il diritto alla libertà di riunione. Nel 2011 ad esempio, oltre 150 mila israeliani sono scesi in piazza per protestare contro i prezzi delle case, i bassi salari e gli standard di vita dei più disagiati

In Israele le minoranze, compresi i suoi cittadini arabi, che costituiscono oltre il 20 per cento della popolazione, hanno pieni ed eguali diritti

Israele ha un sistema giudiziario indipendente. La legge israeliana vieta gli arresti arbitrari dei cittadini. Tutti gli imputati sono considerati innocenti fino a prova contraria

Israele ha una solida economia di libero mercato, al secondo posto nel NASDAQ tra i paesi con il numero  più alto di aziende, al di fuori degli Stati Uniti

Israele non ha alcuna religione di Stato ed è accogliente con persone di tutte le fedi: ebrei, musulmani, cristiani, ecc

 

 

Strombo ha anche permesso che un’altra questione fosse tagliata fuori dalla vista e dalla mente del pubblico della CBC. Finkelman erroneamente ha affermato che Israele “controlla tutta la popolazione araba della West Bank”, ma contrariamente a questa dichiarazione, a seguito degli accordi israelo-palestinesi  di Oslo del 1993  ed i successivi ritiri unilaterali israeliani, l’Autorità palestinese governa ora gli affari civili del 98% degli arabi palestinesi che vivono in Cisgiordania. Solo il 4% dei palestinesi chiama  ” casa” la zona C della Cisgiordania, una terra scarsamente popolata,  sotto il controllo israeliano, . Per quanto riguarda gli insediamenti di Israele, essi costituiscono meno del 3 per cento del territorio complessivo della Cisgiordania.

Questo  della CBC non è stato un incidente isolato. Stroumboulopoulos è stato criticato in passato per aver reagito all’ insistente atteggiamento anti-israeliano di George Galloway con “rispetto strisciante ” e per “adulare e magnificare” Galloway, in un’intervista sul tema del suo finanziamento all’organizzazione terroristica di Hamas . Nel corso dell’intervista Strombo dette a  Galloway la piattaforma per demonizzare Israele e un’opportunità per il politico  britannico in disgrazia  di perpetuare la bugia  di  non aver mai dato soldi ad Hamas, nonostante sia stato  ampiamente  e televisivamente reso noto il suo elogio  al governo del primo ministro di Hamas, Ismail Haniyeh, a Gaza,   ed il suo aver  consegnato denaro  contante ai rappresentanti di Hamas, spudoratamente affermando che “questa non è carità, questo è politica”. Strombo concluse la sua intervista a Galloway, accettando che fosse da “pazzi” considerare Galloway un sostenitore del terrorismo. L’informazione imparziale dalla CBC!

Mentre noi rispettiamo  il diritto di Finkelman alla libertà di parola  e, se ce ne fosse data  l’opportunità, difenderemmo il suo diritto di offendere la nostra sensibilità, le sue pretese meritavano di essere confutate dal presentatore della  CBC, che, sulla base del  CBC’s Journalistic Standards and Practices,  aveva il dovere di garantire che l’opinione di Finkelman era “fondata su fatti che costituivano questione di interesse pubblico”.

Purtroppo, i pregiudizi della CBC contro Israele  non accennano a diminuire.

QUI

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: