Skip to content

Com’è utile la falsa citazione!

maggio 1, 2012

Il web è invaso da false citazioni di personaggi di spicco del Sionismo. In queste citazioni si esplicita il male, il razzismo, la violenza, la cospirazione del Sionismo. Non sono di certo state create per informare, ma tornano molto utili a chi voglia perseguire un discorso di demonizzazione di Israele e del Sionismo.

Le false citazioni si possono presentare  in modi diversi:

La finzione è presentata come un fatto-

Una satira o una “intervista impossibile” diventa avvenuta nella realtà. Cosi’ ad esempio si possono trovare “interviste” a Ariel Sharon mai avvenute.

Confabulazione –

Secondo Benny Morris, Ben Gurion scrisse a suo figlio “dobbiamo espellere gli arabi”. Queste parole non sono mai state  trovate nel testo ebraico delle sue lettere, ma a quanto pare in una versione inglese.

Citando fuori contesto –

Una porzione di un discorso o una lettera  dal significato  ironico dall’intento, ovviamente, innocente è citata come prosa a sé stante. Ad esempio, prima della costituzione dello Stato di Israele, David Ben Gurion tenne un discorso nel quale sottolineava che gli arabi sarebbero stati quasi la maggioranza nel nuovo Stato a meno che i sionisti agissero. Ben Gurion spiegava cosi’ la prevista immigrazione ebraica. Ma quella parte delle sue osservazioni è omessa, in modo che il lettore ignaro potesse pensare che Ben Gurion proponeva “pulizia etnica”.

Tralasciando frasi chiave –

Ad esempio la frase “Abbiamo comprato le terre dagli arabi” è stato omessa da una citazione di Moshe Dayan per far sembrare avesse ammesso che i sionisti avevano rubato tutto il paese.

Alcuni esempi:

La falsa citazione di Tziphora Menache

Questa citazione è clamorosa perché anche i nazisti ammettono sia un falso. Potete trovarla sul sito Web di Stormfront, dove è stata smascherata.

Ovviamente non esiste nessuna “Tziporah Menache” portavoce israeliana.

“Sai molto bene, e gli americani stupidi sanno altrettanto bene, che controlliamo il loro governo, a prescindere da chi siede alla Casa Bianca. Vedi, io lo so e tu lo sai che nessun presidente americano può essere in grado di sfidarci anche se facesse l’impensabile. Che cosa possono farci (gli americani) ? Controlliamo il Congresso, controlliamo i media, controlliamo lo spettacolo, controlliamo tutto in America. In America si può criticare Dio, ma non si puo criticare Israele. Portavoce israeliano, Tzipora Menache 2009”

La prima diffusione di questa falsa citazione  è apparsa presumibilmente in un sito Web pakistano, ma non compare più. Non è stata smentita dai sionisti, ma da antisemiti e siti web anti israeliani, perché a quanto pare  la pagina Web conteneva un virus.

Su Above Top Secret  leggiamo:

“Dopo attenta ricerca da parte di molti membri della comunità ATS, si è concluso senza ombra di dubbio che questo thread è una bufala. La stessa citazione proviene da una singola fonte che ha dimostrato di essere fittizia. Inoltre, un’attenta ricerca ha dimostrato che la sola menzione del nome del portavoce, sempre, è in articoli relativi a questa dichiarazione presunta. In breve, non siamo nemmeno in grado di stabilire se la donna esiste affatto.”

L’ex presidente israeliano Katsav è stato ripreso sul Jerusalem Post, maggio 2001, come avesse detto:

“C’è un enorme divario tra noi (ebrei) e i nostri nemici, non solo in capacità ma in moralità, cultura, sacralità della vita, e di coscienza. Sono i nostri vicini di casa qui, ma è come se a una distanza di poche centinaia di metri , ci fossero persone che non appartengono al nostro continente, al nostro mondo, ma ad un’altra galassia. Il presidente israeliano Moshe Katsav. Il Jerusalem Post, 10 maggio 2001”.

Questa citazione è utilizzata più volte come prova che i sionisti sono razzisti e che ritengono i palestinesi esseri inferiori. Le parole erano probabilmente mal considerata, ma erano una reazione al brutale omicidio del 14° anno di età di Koby Mandel e il suo compagno. Il testo vero che è apparso il 11 maggio 2001 nel Jerusalem Post:

“Il presidente Moshe Katsav ha detto ieri che Israele non si sarebbe mai abbassato alla brutalità che ha portato dei palestinesi a lapidare a morte due adolescenti a Tekoa, questa settimana.

C’è un enorme divario tra noi e i nostri nemici – non solo in capacità ma in moralità, cultura, sacralità della vita, e la coscienza “,ha detto  Katsav  ai giornalisti, a Beit Hanassi.

Non ci abbasseremmo mai alle brutalità inflitte alle vittime di Tekoa e Ofra “, ha aggiunto.” Sono i nostri vicini di casa qui, ma sembra come se a una distanza di poche centinaia di metri , ci fossero persone che non appartengono al nostro continente, al nostro mondo, ma ad un’altra galassia. ”

Falsa citazioni costruite da Hamas

“Dobbiamo uccidere tutti i palestinesi a meno che non si rassegnino a vivere qui come schiavi”.

Fonte  attribuita nelle versioni internet: Heilbrun, Presidente del Comitato per la rielezione del generale  Shlomo Lahat,  sindaco di Tel Aviv, ottobre 1983. QUI

“Dobbiamo espellere gli arabi e prendere il loro posto”. Fonte, attribuita nelle versioni internet: David Ben Gurion, futuro primo ministro di Israele, 1937, Ben Gurion e gli arabi in Palestina, Oxford University Press, 1985.

In realtà, Ben Gurion ha scritto il contrario: “Non dobbiamo espellere gli arabi”. Quando il documento originale negli archivi israeliani è stato scoperto manomesso, Benny Morris, lo storico che ha diffuso la versione falsificata, ha ritrattato la sua relazione. Ecco un buon resoconto dell’incidente, scritto per un pubblico di livello accademico: (vedi : Tentativo di falsificazione degli archivi da parte di chi ha accesso ai documenti) QUI

“La mappa della Palestina è stata disegnata dal mandato britannico. Il popolo ebraico ha un’altra mappa che i nostri giovani e gli adulti devono sforzarsi di adempiere – Dal Nilo all’Eufrate”. Fonte, attribuita nelle versioni internet: Ben Gurion

Dal “Nilo all’Eufrate” è un delirio paranoico, a volte divertente (vedi la pretesa di Arafat di un messaggio segreto presente sulla moneta israeliana da 10 agorot).  Nessun copia-incolla  ha potuto ancora inventare  un contesto  nel quale si possa supporre che David Ben Gurion, il primo ministro israeliano, possa avere articolato questa particolare versione della fantasia pervasiva di intrighi ebraici riguardanti l’ Egitto e l’Iraq. QUI

“Tocca alla gente prepararsi per la guerra, ma all’esercito israeliano di effettuare la lotta per il fine ultimo: erigere l’impero israeliano”. Fonte attribuit nelle versioni internet: Moshe Dayan (Ministro della Difesa e Ministro degli Esteri), il 12 febbraio 1952. Radio “Israele”.

Primo indizio: la Radio cosiddetta “Israele” fra virgolette. Dayan non è diventato Ministro della Difesa fino al 1967. E non è stato nominato Capo di Stato Maggiore fino al 1953. Avergli attribuito di voler erigere “l’impero israeliano” è solo stupido, ma l’averglielo attribuito come dichiarato alla radio nazionale nel momento in cui era un giovane ufficiale, è particolarmente goffo.

 “Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca delle terre, e il taglio di tutti i servizi sociali per liberare la Galilea della sua popolazione araba”. Fonte attribuita nelle versioni internet:Israele Koenig, “Il Memorandum Koenig” (In alcune versioni questo è falso attribuito a Ben Gurion)

Non contento di riprodurre un rapporto, nelle sue intenzioni, odioso e controverso ( respinto dal governo israeliano) il falsario  ha voluto esagerare aggiungendo la presunta confessione del governo israeliano di utilizzare metodi violenti, criminali. QUI

Sono solo alcuni esempi, il repertorio è molto più vasto. A presto la prossima puntata!

Grazie a: http://dancutlermedicalart.com/FakeQuotes/FakedQuotes3.htm

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: